VIDEO > La Casa Alloggio AIL di Roma si rifà il look nel nome di Vanessa

3

(MeridianaNotizie) Roma, 25 luglio 2014 – A parlare è la mamma di Vanessa, una giovane ragazza che nonostante abbia perso la sua battaglia contro la leucemia anni fa, ha voluto lasciare a tanti altri la possibilità di lottare con dignità e circondati dalla propria famiglia. È  per questo che la Casa Alloggio AIL di Roma porta il nome di Vanessa, per questo è stata rinnovata totalmente. Migliorare la qualità di vita dei malati e delle loro famiglie è uno degli obiettivi prioritari dell’AIL e le Case Alloggio svolgono quindi un ruolo fondamentale. A causa delle lunghe cure a cui si devono sottoporre i malati ematologici, i viaggi che molti devono compiere sono spesso onerosi e proibitivi. Le Case Alloggio nascono per alleviare questi problemi e mettono a disposizione dei pazienti, a titolo completamente gratuito, un luogo funzionale dove sentirsi a casa ed essere seguiti costantemente da specialisti e confortati dai volontari dell’Associazione.casa-ail-vanessa2

Molte quindi le novità introdotte: ristrutturazione completa del giardino e della facciata, un nuovo sistema di condizionamento centralizzato, un impianto solare per riscaldare l’acqua, un’ampia terrazza resa accessibile agli ospiti e un locale adibito a lavanderia. Alcune di queste migliorie permetteranno quindi un notevole risparmio nelle spese energetiche e di gestione. La “Residenza Vanessa” è una delle Case Alloggio che l’AIL, ha realizzato e gestisce in tutta Italia per accogliere gratuitamente i malati ematologici e i loro familiari quando sono costretti a spostarsi dal luogo di residenza per le cure. Attualmente sono 33 le città che offrono questo servizio.

Servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Sanità

VIDEO > Tumori, presentato il libro: “Il male (in)curabile”. Luciano Onder: “informare serve a prevenire”

VIDEO > La sanità del Lazio si rinnova, stanziati 620 mln per ambulanze case della salute e ospedale dei Castelli

VIDEO > Oltre 500 trapianti nel Lazio dal 2013: con Lazio Transplant partono le liste d’attesa uniche

Share.