VIDEO > Regione Lazio, firmato l’accordo con Libera per il riutilizzo dei beni confiscati

0

Don Ciotti: “bisogna graffiare le coscienze, perché abbiamo troppi cittadini ad intermittenza”.

Roma, 28 luglio 2014 ( Meridiana Notizie ) – Protocollo d’intesa tra Regione Lazio e la rete di associazioni Libera sul riutilizzo dei beni confiscati alle mafie. Un altro piccolo tassello per la lotta alle mafie è stato compiuto nel pomeriggio dalla Regione Lazio che con la firma del protocollo si impegnerà a riorganizzare i beni confiscati nella Regione per poterli poi riassegnare nel segno della trasparenza e del riutilizzo a scopi sociali. Il patto, di durata triennale, prevede inoltre attività di informazioni sui temi della criminalità organizzata e iniziative di animazione territoriale per la conoscenza delle opportunità offerte da una corretta gestione dei beni confiscati.libera

“Contro le mafie sempre, per la legalità sempre”. Così il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, a margine dell’incontro. “In questi mesi abbiamo lavorato per dare il nostro contributo alla lotta alle mafie, innanzitutto per rafforzare un’economia sana che restringa gli spazi dell’illegalità e delle infiltrazioni mafiose. Con questo protocollo tra Regione e Libera – ha aggiunto Zingaretti – scegliamo di aprire un rapporto permanente con una rete di associazioni tra le più importanti nella lotta alla mafia. Primo per non dimenticare che questa è una priorità, secondo per trovare insieme le forme per essere più capaci di lottare contro le mafie, e poi – ha concluso – per promuovere, ad ottobre, una grande conferenza nazionale contro le mafie. Oltre 2.500 persone, tra magistrati, operatori, giornalisti e militanti, per una sorta di ‘Stati generali’ contro le mafie, per essere più uniti e più forti contro le mafie”.

“Oggi viene siglato un patto di tre anni di estremo impegno, per collaborare insieme con una Regione, ognuno con il suo ruolo e le sue competenze le sue responsabilità, ma insieme. Questo mi pare molto importante”. Sono le parole del presidente dell’Associazione “Libera” Don Luigi Ciotti. “Dobbiamo graffiare la coscienza delle persone, perché abbiamo troppi cittadini ad intermittenza, troppa e gente che si commuove quando ci sono le tragedie ma poi non si smuove. Abbiamo bisogno di lavorare di più insieme, pubblico privato e volontariato – ha concluso – dobbiamo essere più responsabili tutti”.

Il servizio di Diana Romersi

Altre videonews di Lazio Regione:

In 500 lasceranno casa grazie al bando “Torno Subito”, ecco i vincitori della borsa di studio regionale

VIDEO > Regione, con il nuovo bilancio si risparmieranno 9,5 mln di euro l’anno. Diminuiscono le tasse

VIDEO > La sanità del Lazio si rinnova, stanziati 620 mln per ambulanze case della salute e ospedale dei Castelli

 

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.