Ostiense, truffa dello specchietto: arrestati moglie e marito

1

I due, già noti alle forze dell’ordine, sono stati arrestati mentre tentavano di raggirare un automobilista romano di 63 anni.

(Meridiana Notizie ) Roma, 21 agosto 2014 – Colpivano volutamente lo specchietto retrovisore delle auto e poi fingendo il danno chiedevano al malcapitato 300 euro di risarcimento. Era la prassi a cui si attenevano i due truffatori arrestati ieri sera, in piazzale Ostiense,  dai  Carabinieri della Stazione Roma Garbatella. I due, marito e moglie, di 30 e 31 anni, già noti alle forze dell’ordine, sono stati arrestati mentre tentavano di raggirare un automobilista romano di 63 anni, facendogli credere di essere stati vittima di un danneggiamento.2012-07-04_Piazzale_Ostiense

I truffatori, appartenenti ad una nota famiglia di nomadi stanziali di origini napoletane,  dopo aver colpito volutamente lo specchietto retrovisore dell’auto, hanno chiesto 300 euro quale risarcimento per un fantomatico danno subito all’orologio da polso della donna, mai trovato. Quando il 63enne ha detto di non avere con se il denaro richiesto, i due truffatori si sono piazzati nella sua auto e lo hanno costretto a recarsi al bancomat. Alla scena ha assistito anche un Carabiniere che transitava, libero dal servizio, che inteso quello che stava capitando è subito intervenuto, bloccando l’auto che aveva già percorso un centinaio di metri. I due sono stati arrestati ed accompagnati in caserma dove sono stati trattenuti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa di essere processati con il rito direttissimo.

La redazione

Altre videonews di Cronaca:

Chiedeva offerte travestito da prete davanti a una chiesa: denunciato un romeno

Scontro tornado. Continuano le ricerche dei piloti dispersi

L’Italia tra le fiamme. Sessanta incendi boschivi in un giorno

Share.