Strisce blu, Federconsumatori contro gli aumenti: “Caro Sindaco, così non va!”

2

Il vero dramma è che non si potrà più usufruire dell’abbonamento mensile e di quello giornaliero.

( Meridiana Notizie) Roma, 22 agosto 2014 –  “Al rientro dalle vacanze, per chi ci è potuto andare, i cittadini romani si troveranno ad affrontare ulteriori aumenti. Oltre ai soliti conguagli estivi, aumenti di tariffe, spese scolastiche e nuove tasse da pagare, gli automobilisti romani costretti ad usare necessariamente la propria vettura per raggiungere il luogo di lavoro, pagheranno 1,50 euro all’ora per parcheggio ben il 50% in più rispetto al mese di luglio. Ma il vero dramma è che non potranno usufruire dell’abbonamento mensile e quello giornaliero. Il costo per un lavoratore che non è in grado di abbandonare l’utilizzo del mezzo privato passerà da 70 euro a 264 euro al mese con un aumento di circa il 400%! Entro il 30 di ottobre l’intera città di Roma si dovrà adeguare a tale delibera. L’aumento deciso dal comune di Roma è decisamente ingiustificato e vessatorio.news_foto_29659_strisce_blu

Ci sono tanti modi per decidere l’aumento dei costi dei servizi pubblici, che a volte si rendono necessari: gradualmente, con flessibilità e creando alternative. In una città come Roma in cui i servizi pubblici funzionano poco e male e in estate ancora meno, una scelta così radicale colpisce tutti i cittadini che abitano nelle periferie che sono costretti ad utilizzare il mezzo privato”. Lo comunica, in una nota, Federconsumatori.

“Caro Sindaco, un consiglio amichevole – prosegue la nota – faccia un viaggio da Tor Tre Teste, dal Casilino o da Palmarola fino al centro di Roma e poi decida se e come aumentare i parcheggi”.

La redazione

Altre videonews di Cronaca:

VIDEO > Fisco, fatture false per 11 milioni di euro. A Cesena scoperta la truffa dei bancali rubati

Casilino, agente fuori servizio ferma ladri di auto e moto

Centocelle, spaccio in famiglia: madre e figlio arrestati per droga

Share.