Renzi presenta i suoi mille giorni. Parte il countdown per rilanciare l’Italia

2

“Non torniamo indietro sugli 80 euro: cercheremo di allargare il bonus, senza però creare false aspettative”

(MeridianaNotizie) Roma, 1 settembre 2014 – Dopo il successo incassato dalla Mogherini in Europa, il “passo dopo passo” del governo Renzi, diventato quasi un tormentone, prevede la presentazione dell’agenza dei mille giorni o meglio la ricetta del premier fiorentino per dare una svolta all’Italia. “Oggi è la partenza dei mille giorni. La presenza del countdown e della verificabilità dei risultati è la grande rivoluzione nella politica italiana: nel momento inrenzi cui sei accusato di ‘annuncite’, malattia tipica di parte del ceto politico, rispondiamo con l’elenco di date a cui siamo auto-costretti». Esordisce così il premier Matteo Renzi alla presentazione del programma dei mille giorni, con un sito ad hoc www.passodopopasso.italia.it. Per descrivere il sito e il progetto, Renzi ha utilizzato la metafora del puzzle: “Vogliamo riuscire a dare una visione più concreta, come se ci fosse puzzle con una cornice che per noi è chiara ed i pezzi verranno inseriti passo dopo passo”. Il puzzle del programma di Governo, ha concluso fiducioso Renzi, “riusciremo a realizzarlo nei prossimi 1.000 giorni. Ci diranno che siamo troppo ambiziosi o arroganti, ma noi il Paese lo cambiamo davvero”.“Leggo che è finita la luna di miele – ha detto Renzi. – Segnalo che sono gli stessi commenti che leggevo la settimana prima delle elezioni, questi commenti portano bene”. Gli ormai famosi 80 euro non si toccano. Il premier ha affermato la volontà di “allargare il bonus” senza però creare “false aspettative”. E ha aggiunto, rivendicando l’azione politica svolta finora: “Non torniamo indietro sugli 80 euro: cercheremo di allargare il bonus, senza però creare false aspettative.

Quanto alle riforme, Renzi ha ribadito che l’Italia farà “le riforme mantenendo il limite del 3%” e “utilizzando la flessibilità che l’Ue ci consente” di utilizzare. Quanto alla riforma del lavoro “il problema non è l’articolo 18, non lo è mai stato e non lo sarà”. “Guardiamo negli occhi tutti, ma non guardiamo in faccia nessuno. Se l’Italia deve cambiare, nessuno può chiamarsi fuori. Nessuno può tirarsi indietro. Vale per tutti i settori”. E’ uno dei passaggi del testo di presentazione del mini-sito, un ‘diario di bordo’, dedicato ai Mille Giorni. “I mille giorni – dice ancora  Renzi – sono una occasione ghiotta per la politica: dimostrare che le riforme si possono fare“. “Questo è il Paese che è apparso sulla scena internazionale come il Paese dei veti. Dei no, non si può. Delle lungaggini e delle procedure. Al termine di questo periodo – assicura – avremo un Paese più coraggioso, più semplice, più competitivo. E dunque una politica più credibile”. “Passo dopo passo – si legge ancora – riporteremo l’Italia al suo posto. A guidare l’Europa del coraggio, non a inseguire i fantasmi della paura”.

 La Redazione

Altre videonews in Politica:

Adozioni gay, Fratelli d’Italia ruba scatto ad Oliviero Toscani. Il fotografo: “Li denuncio”

#MarinoDacceErCircoMassimo, Beppe Grillo lancia l’appello e chiama i Rolling Stones

Marò, Latorre ricoverato per un malore. Il ministro Pinotti vola in India

Print Friendly, PDF & Email
Share.