VIDEO > Nuova Postepay CPP, Postepay e CityPoste Payment inaugurano la nuova prepagata

1

Elenoire Casalegno: “Gli americani non girano con i contanti. Lì utilizzare la carta è una cosa normalissima”

(Meridiana Notizie) Roma, 11 settembre 2014 – Presentata la carta Postepay con marchio CPP. Grazie ad un accordo tra Poste Italiane e CityPoste Payment il nuovo servizio sarà a disposizione di tutti i clienti che ne vorranno usufruire. La carta è richiedibile negli oltre 500 punti convenzionati e può essere usata come una carta prepagata postepay. postepay2

Tutti i clienti che apriranno il conto di pagamento presso CityPoste Payment, oltre alla carta di debito Bancomat, saranno dotati anche della carta ricaricabile PostePay CPP. Inoltre, presso i negozi convenzionati CPP CityPOste Payment può essere distribuita disgiuntamente dal conto di pagamento.

La carta consente di effettuare pagamenti negli esercizi commerciali convenzionati Visa e Visa Electron, sia in Italia che all’estero; prelevare denaro e pagare i servizi disponibili presso gli uffici postali e presso gli sportelli automatici Postamat; prelevare denaro presso gli ATM bancari che espongono il marchio Visa e Visa Electron, sia in Italia che fuori; pagare pedaggi autostradali e effettuare acquisti online. La carta è ricaricabile presso gli uffici postali, gli sportelli automatici Postamat e il sito www.postepay.it

Alla conferenza stampa ha partecipato anche la conduttrice televisiva e attrice Elenoire Casalegno, che alle nostre telecamera ha raccontato la sua esperienza con le carte prepagate in America. “Gli americani non girano con i contanti. Lì utilizzare la carta è una cosa normalissima, dal comprare uno spazzolino da denti alla lattina di coca cola”.

Il servizio di Diana Romersi

Altre videonews di Cronaca:

VIDEO > Torri Gemelle, a Roma la commemorazione dell’attentato in Piazzale di Porta Capena

VIDEO > Maltempo, bomba d’acqua su Roma: caos e traffico nella Capitale

VIDEO > Arrestato il terrorista di destra Emanuele Macchi, evaso dai domiciliari si era rifugiato in Francia

 

Print Friendly, PDF & Email
Share.