VIDEO > Escher a Roma, al Chiostro del Bramante 150 opere in mostra fino al 22 febbraio

0

Siete davvero sicuri che un pavimento non possa essere anche un soffitto? È questa la domanda ci fa Escher e che soprattutto dobbiamo farci entrando in contatto con le opere del grande incisore e grafico olandese.

(MeridianaNotizie) Roma, 19 settembre 2014 – Con oltre 150 opere, tra cui i suoi capolavori più noti come Mano con sfera riflettente (M.C. Escher Foundation), Giorno e notte (Collezione Giudiceandrea), Atro mondo II (Collezione Giudiceandrea), Casa di scale (relatività) (Collezione Giudiceandrea) s’inaugura a Roma, al Chiostro del Bramante, una grande mostra antologica interamente dedicata all’artista, che ne contestualizza il linguaggio artistico e racconta l’annodarsi di universi culturali apparentemente inconciliabili i quali, grazie alla sua arte e alla sua spinta creativa, si armonizzano, invece, in una dimensione visiva unica.ESCHER-ROMA3

La mostra Escher, curata da Marco Bussagli, è un percorso attraverso il quale il visitatore sarà guidato a vivere un’esperienza “giocosa”, che fa capire l’origine e il perché dell’arte di Escher, permettendo di sperimentare in prima persona e di comprendere le illusioni ottiche e gli inganni visivi a cui inducono le opere. Attraverso tre esperienze percettive e sei giochi, la mostra fa vivere le illusioni ottiche – i cui effetti sono decifrati dalle Leggi della Gestalt – insite nei lavori del grande artista, dando la possibilità di capirne l’origine e i meccanismi.ESCHER-ROMA2

La prima esperienza è spiegata attraverso una parete colma di sfere concave e convesse. Il visitatore, riflesso dritto nel convesso e al contrario nel concavo, potrà intuire la legge della riflessione. La seconda esperienza – La stanza degli specchi – spiega il fenomeno tridimensionale dell’opera di Escher intitolata Profondità. La terza esperienza è quella della parete optical che darà un senso di profondità illusoria. I sei giochi ottici si basano sulla legge della prossimità, quella della buona forma, del triangolo di Kanizsa, la legge del pieno e del vuoto, della continuità e infine del concavo e del convesso. I giochi daranno la possibilità di sperimentare i “trucchi di visione”. Sarà possibile condividere la propria esperienza all’interno della mostra, scattando selfie e postandoli, utilizzando l’hashtag ufficiale #escherRoma saranno pubblicati sui nostri social network. La mostra sarà visitabile dal 20 settembre 2014 al 22 febbraio 2015.

Servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Eventi

VIDEO > GOODBYE SUMMER FESTIVAL, l’estate romana chiude con una maratona d’eccezione

VIDEO > Biennale MarteLive, maxi evento in tutto il Lazio dai Zen Circus a Mogwai

VIDEO > Buy Lazio, a Rieti il turismo laziale si offre ai buyers internazionali

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.