Discarica fai da te a Fabbrica di Roma, rifiuti industriali pericolosi interrati illegalmente

1

(MeridianaNotizie) Roma, 7 ottobre 2014 – Nel corso di autonome attività di servizio in materia di polizia ambientale, attraverso un’ attività info-investigativa svolta nella provincia viterbese, i finanzieri hanno individuato e posto sotto sequestro un sito industriale di circa 38.000 mq che violava la normativa industriale, situato nel comune di Fabrica di Roma. La vasta attività di controllo, coordinata dal Comando Provinciale di Viterbo, ha consentito di verificare che nel sito sottoposto a sequestro sono stati ammassati, senza alcuna cautela, rifiuti industriali e pericolosi, quali solventi chimici, cumuli di fibro-ceramica, lastre danneggiate di eternit contenenti fibre di amianto, cumuli di scarti ceramici parzialmente interrati sia nelle fondamenta del capannone che nel terreno pertinente. Rifiuti che per la loro tipologia rientrano nella categoria dei “rifiuti speciali”, come definiti dalle norme in materia ambientale, con un elevatissimo pericolo di inquinamento non solo del terreno e delle sottostanti falde ma particolarmente pericolosi anche per la salute della popolazione che possa in qualche modo venirne a contatto.GDF-DISCARICA2

Presso il sito, dismesso da tempo poiché travolto da procedure fallimentari, è intervenuto oltre alla curatela anche personale qualificato dell’A.U.S.L. di Viterbo e del Laboratorio di Igiene Industriale – Centro Regionale Amianto di Civita Castellana che ha prelevato dei campioni di rifiuti al fine di esperire le opportune analisi tecniche. Subito sono state avviate le procedure di bonifica e messa in sicurezza del sito al fine di evitare la dispersione nell’area delle polveri tossiche e nel sottosuolo dei liquidi inquinanti.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

Gridano “al fuoco” ma era la disinfestazione… e ripiegano sull’antiveleni. Succede a Roma

Incidente sul lavoro a Capannelle, operaio cade al Tennis Club Garden: l’uomo è in coma

VIDEO > Omicidio di Diego Preda, la Polizia diffonde le immagini dell’omicidio. Si cercano i testimoni

Print Friendly, PDF & Email
Share.