VIDEO > Ducati Desmo Challenge vinto con moto rubate, 55 sequestrate tra cui una Desmosedici

1

(MeridianaNotizie) Roma, 31 ottobre 2014 – Era stata un grande vittoria quella del 2011 del Ducati Desmo Challenge, della 1198S della scuderia 99Dieci di Fonte Nuova. Peccato però che quella e altre quattro della stessa scuderia erano di provenienza illecita, frutto cioè di furti o truffe ai danni di società assicuratrici. Monitorando le denunce infatti, è balzato agli occhi degli agenti del commissariato di Ostia, che i motoveicoli rubati ed in particolare quelli del marchio Ducati, risultavano essere stati venduti da un unico punto vendita, autofficina autorizzata fino agli anni 2009/2010 del marchio Ducati.

Grazie alla collaborazione della stessa Ducati e della Lloyds di Londra, con la quale era stata assicurata la Desmosedici del valore di oltre 65mila euro, alcuni agenti, iscrivendosi ai forum dedicati al mondo delle corse, sono riusciti ad entrare nel circuito delle gare e a risalire all’enorme giro che si nascondeva dietro ai box. Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati 55 motoveicoli, di cui svariati cloni, 18 motori, 17 telai spogli, vari canotti di sterzo, numerosi libretti di garanzia appartenenti a moto rubate, documenti di circolazione di motoveicoli, documentazione fiscale e svariati componenti di motocicli e pezzi di ricambio.ducati-polizia2

Dalle moto, dai libretti e dai pezzi sequestrati scaturivano una serie di attività che richiedevano la collaborazione delle Questure di mezza Italia tra cui Napoli, Salerno, Bologna, Milano, Pescara, Latina, Brescia, Ferrara, Forlì, Frosinone e Varese. Gli accertamenti di natura tecnica sui mezzi, motori e telai in sequestro sono stati effettuati grazie alla stretta collaborazione con la Ducati di Borgo Panigale. A finire ai domiciliari un 41enne detto il guru, e altri quattro tra i 52 emi 35 anni.

Servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Cronaca

Nuovo Piano Casa, all’alba via libera dalla Regione Lazio

Aumenti Atac, Marino rassicura i cittadini: “non mi arrendo”. Spunta l’idea di un biglietto notturno per i giovani

Cavallo cade in via del corso, vetturino in lacrime. Ancora un incidente per le botticelle

Print Friendly, PDF & Email
Share.