VIDEO > Fabbricavano droga invece di metalli, scoperta raffineria di coca a Roma est. Fermati in 4

2

Ennesima operazione ad opera della guardia di finanza di Fiumicino che ha individiato, ad est della città di Roma, una raffineria di sostanze stupefacenti. I trafficanti e il destinatario del bottino sono stati catturati.

(MeridianaNotizie) Roma, 24 ottobre 2014 – La guardia di finanza di Fiumicino ha individuato, nella periferia est della capitale, in zona Marco Simone, all’interno di un opificio adibito alla lavorazione di metalli, una raffineria di sostanze stupefacenti. La perquisizione immediata dell’edificio ha permesso di rinvenire all’incirca 3kg di cocaina, 510 sostanze da taglio e numerosi strumenti atti alla trasformazione, al taglio e al confezionamento della droga pronti per il passo successivo, lo spaccio.raffineria-droga2

I quattro trafficanti – due venezuelani, un dominicano naturalizzato olandese ed una ecuadoriana – sono stati tratti in arresto ed associati alle carceri di Rebibbia femminile e Regina Coeli. Quasi contestualmente, all’interno dell’aerostazione, è stata intercettata ed arrestata, proveniente da San Paolo (Brasile), una cittadina portoghese con 17 chili di cocaina occultati, oltre che in polvere, nel doppiofondo del bagaglio, anche in forma liquida, imbevendo tre giubbotti e cinque borse, da cui la sostanza sarebbe, poi stata recuperata con un laborioso processo chimico. Una volta individuato il destinatario, i Finanzieri hanno immediatamente fatto irruzione in un appartamento della periferia di Roma, riuscendo ad impedirne la fuga. Il cittadino italiano – trovato in possesso di una pistola con matricola abrasa, munizioni, cellulari e Sim card e due taser – è stato arrestato ed associato, assieme alla complice, al carcere di Civitavecchia.

Servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews  di Cronaca

VIDEO > #CambiAmoRoma, 5000 firme contro aumenti strisce blu e pedonalizzazione Tridente

VIDEO > Noleggia un clandestino, il video provocazione del leghista Bosco

Aperto il testamento di Alberto Sordi, il museo fa “All In” e si prende tutto

Print Friendly, PDF & Email
Share.