VIDEO > TELEVISIONE ADDIO? La principessa dei media alla prova della Rivoluzione Digitale

0

(MeridianaNotizie) Roma, 2 ottobre 2014 – Un mondo si è chiuso, o per meglio dire un’era. Quella cioè della televisione come aggregatore, come divisore delle ore, delle attività giornaliere, come elemento d’ascolto e di conoscenza. Cambia la tecnologia, la famiglia tradizionale si trasforma e di conseguenza il mezzo televisivo non può che variare per cercare di adeguarsi alla Rivoluzione digitale. Una discussione che ha visto riunirsi alla sala delle Colonne della Camera dei Deputati i massimi esperti e fruitori della cara e vecchia tv, e prendere parte al Workshop Televisione Addio? in occasione dell’uscita del numero speciale dedicato da Micro&Macro Marketing edito dal Mulino.TELEVISIONE-ADDIO1

Alberto Mattiacci, professore dell’Università La Sapienza di Roma, sostiene la tesi provcatoria di Nichola Negroponte, il guro della nuova economia digitale, secondo cui l’unico modo per pensare la televisione del futuro è pensarla senza televisione. Per Gabriele Immirzi direttore generale di FremantleMedia, si va verso una fruizione ondemand del mezzo televisivo, una rivoluzione da seguire e alla quale non si può rimanere indietro. La rivoluzione passa anche per la tv di Stato, come sottolinea Andrea Fabiano della Rai.

Servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Cultura

VIDEO > Sistina Story, dal 4 al 19 ottobre la storia musicale del teatro si mette in scena con Baudo e Montesano

VIDEO > Bimillenario di Augusto, riapre al pubblico il Foro Romano con l’antico percorso del Vico Iugario

FilmFest di Roma, dal 16 al 25 ottobre la nona edizione. Contestata l’esclusione del film sul “Califfo”

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.