Sei mesi a Storace per vilipendio, diede dell’indegno a Giorgio Napolitano

0

(MeridianaNotizie) Roma, 21 novembre 2014 – «Sono l’unico italiano condannato per questo reato. Ed è una decisione presa su commissione». Così Francesco Storace dopo la lettura della sentenza che lo ha visto condannato a sei mesi di reclusione per il reato di vilipendio al capo dello Stato. Il giudice monocratico di Roma Laura D’Alessandro nella sentenza di condanna per Francesco Storace ha riconosciuto le attenuanti generiche ed ha disposto la sospensione della pena. Storace quindi non andrà in carcere. La procura di Roma aveva chiesto una condanna a sei mesi di reclusione in relazione alla vicenda del vilipendio del capo dello Stato. Nel corso del suo intervento il giudice onorario Lara Pezone ha riconosciuto le attenuanti generiche alla luce della «condotta dell’imputato» che si è recato dal «presidente per chiedere scusa» ma ha ribadito che «il reato si è verificato e non può essere riconosciuta l’immunità parlamentare».storace2

La vicenda che vede imputato l’ex presidente della Regione Lazio risale al 2007 quando definì «indegno» il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Il fatto era legato ad una polemica sorta dopo un intervento apparso sul blog dell’allora senatore nel quale il senatore a vita Rita Levi Montalcini venne definita come «una stampella» del Governo. Parole che Napolitano definì indegne e alle quali Storace rispose utilizzando lo stesso aggettivo nei confronti del capo dello Stato. Da qui l’accusa di vilipendio.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

“Buongiorno…squadra anticrimine”, 50 enne si spacciava per ispettore della polizia.

5mila euro per non pubblicare foto hot, baby stalker in manette

VIDEO > Rifiuti, manifestazione di Forza Italia: si cambi la tassa in tariffa

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.