VIDEO > Nel nord le mani della ‘ndrangheta, 40 arresti in Lombardia. Ros filmano i riti di affiliazione

3

Da ben due anni, la procura di Milano indagava su una rete di ‘ndrine sviluppatasi nel comasco e nel lecchese, ma operativa in tutta Italia. Per la prima volta è stato ripreso l’intero rituale di ingresso alla “famiglia” . Nelle cosche ndranghetiste si giura sui padri del risorgimento italiano: Mazzini, Garibaldi e Lamarmora.

(MeridianaNotizie) Roma, 18 novembre 2014 – Un altro importante colpo è stato inferto alla ‘ ndrangheta del nord: questa mattina, i carabinieri del Ros guidati dal tenente colonnello Giovanni Sozzo hanno eseguito 40 arresti per associazione di tipo mafioso, estorsione, detenzione e porto abusivo di armi. Solo pochi giorni fa erano stata portate a termine le indagini sulle infiltrazioni mafiose nei sub- appalti dell’Expo che si terrà a Milano, nel 2015. Tutte operazioni nate nell’ambito della maxi inchiesta “ Infinita”: la prima ad analizzare il radicamento ndranghetista nel nord Italia. Ben tre sono i sodalizi mafiosi presenti nel comasco e nel lecchese, con infiltrazioni in tutto il tessuto locale e saldi collegamenti con le famiglie di origine. Mai prima d’oggi era stato filmato dall’inizio alla fine l’intero rituale di affiliazione alle cosche della Mamma Santissima calabrese.NDRANGHETA2

“ Non si cambia. Non cambieremo mai.” E poi il giuramento su Mazzini, Lamormora e Garibaldi che accentua la sacralità del momento dell’afiliazione. “E’ un risultato assolutamente inedito nella storia delle indagini antimafia in Italia” ha dichiarato il pm ida Boccassini. L’ affiliazione alla ndrangheta è stata documentata dalla formazione della società, al battesimo del locale, alla fedelizzazione, fino alle complete formule, interamente pronunciate dagli indagati, per la concessione, ad alcuni affiliati, tutti identificati, delle doti della “Santa” e del “Vangelo”. In un caso si è addirittura accertata l’affiliazione di un minorenne figlio di Salvatore Pietro Valente, “affiliato” al “locale di Calolziocorte”, in possesso della “dote” di “Vangelo”. Tutto il giuramento si svolgeva con una pistola puntata e una dose di cianuro dall’altra che servono come monito al nuovo affiliato sulla sua sorte in caso di tradimento o “grave trascuranza”. I filmati, che riprendono i boss durante le cosiddette “mangiate“, mostrano l’uso di un linguaggio in codice, in cui il capo della locale viene chiamato Garibaldi, il contabile Mazzini, mentre il Mastro di giornata, tra le più alte cariche dell’associazione, viene chiamato La Marmora. Risorgimento, vangelo e terrore: queste le tre anime della truce affiliazione.

Iolanda Simonetti

Servizio di Domenico Lista

Altre videonews di Cronaca

VIDEO > Il rammendo delle periferie, Ascanio Celestini: da Tor Sapienza emerge la comunità peggiore

VIDEO > A Lecce in manette 35 affiliati alla “Sacra corona unita”, gestivano il racket della capoluogo

VIDEO > Paola Taverna cacciata da Tor Sapienza: Non vogliamo esponenti politici. Lo sfogo della senatrice M5S

Print Friendly, PDF & Email
Share.