Esplode palazzina a Colli Aniene, 1 morto. Testimone: inquilina aveva dato fuoco ad una poltrona

0

(MeridianaNotizie) Roma, 20 gennaio 2015 – Esplosione e fiamme in un appartamento in via Galati in zona Togliatti. E’ accaduto intorno alle 3.40. esplosione-collianiene4Sul posto gli agenti della polizia di Stato. Il bilancio è di un decesso, una persona soccorsa in codice rosso e portata al Pertini, 12 codici gialli per intossicazione da fumo (cinque gialli all’Umberto I, due al Pertini, due al San Giovanni, tre al Sant’Andrea ) un codice verde in crisi ipertensiva al San Giovanni. Altri feriti con mezzi propri sono andati al pronto soccorso. Sul posto il 118 è intervenuto con sei ambulanze ed una automedica complessivi.Due persone si sono lanciate dalle finestre per fuggire alle fiamme divampate la scorsa notte in uno stabile in via Galati in zona Toghliatti. Scene di panico tra le persone che hanno riferito di aver sentito un boato fortissimo. Danneggiate anche quattro auto parcheggiate in strada.

SOSPETTA E’ INQUILINA SFRATTATA, LA PAROLA AI TESTIMONE – http://youtu.be/OIo_IQFkf_4

esplosione-collianiene8

Incendio Colli Aniene – Inquilina sfrattata : Era stata raggiunta da quattro ingiunzioni di sfratto la donna che abitava nell’appartamento al quarto piano da cui e’ partito l’incendio nello stabile in via Galati. La donna, nata nel 1932, e’ allo stato irreperibile e non aveva ancora lasciato l’appartamento. Gli agenti della polizia di Stato che indagano sulla vicenda la stanno cercando per interrogarla. Viveva quasi segregata in casa, non era tanto normale”, la donna che abitava prima dello sfratto nell’appartemento esploso in via Galati.esplosione-collianiene7 A raccontarlo Roberto, residente di un vicino condominio. La moglie abita con i due figli nel palazzo in cui è avvenuta l’esplosione. “La conoscevo di vista, l’ho anche ‘salvata’ poco tempo fa, quando era rimasta bloccata in ascensore – testimonia Roberto – La signora aveva mostrato segni di instabilità incendiando una poltrona sul balcone. Era una persona riservata, viveva quasi nascosta nell’appartenento che apparteneva all’ex marito defunto”.

Servizio di Cristina Pantaleoni

Share.

Comments are closed.