VIDEO > Charlie Hebdo, matite alzate e un lungo silenzio a Parigi. Intanto su twitter è #JeSuisCharlie e #PrayersforParis

0

(MeridianaNotizie) Parigi, 8 gennaio 2015 – Prima un lungo silenzio dove a parlare sono solo le migliaia di matite alzate al cielo, poi un applauso che commuove per la sua intensità. Centinaia di persone si sono nuovamente radunate intorno alle dodici a Parigi per continuare ad esprimere la loro solidarietà ai vignettisti morti ieri 7 gennaio 2015, nella redazione di Charlie Hebdo .charlie-hebdo1

Sono caduti sotto i colpi del commando di terroristi Charb, il direttore, e i popolarissimi disegnatori satirici Wolinski, Cabu e Tignous. Li hanno cercati, uno per uno, in particolare Charb, autore di un’ultima vignetta tragicamente profetica, in cui scherzava su possibili attacchi terroristici imminenti in Francia. I testimoni parlano invece di un periodo di difese stranamente un po’ allentate al giornale, da anni nel mirino del fanatismo per le sue provocazioni contro gli estremismi religiosi di ogni tipo. Le dodici vittime dell’attacco alla redazione di Charlie Hebdo sono: Stephane Charbonnier, alias Charb, vignettista e direttore; Georges Wolinski, vignettista; Jean Cabut, alias Cabu, vignettista; Bernard Verlhac, alias Tignous, vignettista; Philippe Honoré, vignettista; Bernard Maris, economista ed editorialista; Elsa Cayat, psicologa e giornalista; Michel Renaud, ex consigliere del sindaco di Clermont Ferrand; Mustapha Ourrad, correttore di bozze; Fréderic Boisseau, addetto alla portineria; Franck Brinsolaro, poliziotto; Ahmed Merabet,  il poliziotto freddato in strada. Elsa Cayat, l’unica donna tra le 12 vittime, era psicologa e psicoterapeuta, e teneva una rubrica ogni due settimane sul magazine. Lo scrive il sito del quotidiano Liberation, che le dedica un profilo. La Cayat era anche autrice di diversi libri, incentrati in particolare sulle dinamiche di coppia. charlie-hebdo3

Quello contro Chalie Hebdo è il più grave attentato terroristico nel paese dal 1961. Il settimanale satirico ‘Charlie Hebdo‘, noto per il suo stile ironico e provocatorio e già nel mirino dei terroristi islamici. Due uomini incappucciati hanno fatto irruzione nella sede del giornale ed hanno aperto il fuoco con i mitra, gridando ‘Hallah u Akbar’ e uccidendo fra gli altri il direttore Charbonnier (Charb) ed e altri tre noti vignettisti Cabu, Georges Wolinski, molto famoso anche in Italia, e il suo collega Tignous. Le vittime sono un addetto alla portineria, otto giornalisti, uno dei poliziotti assegnati alla protezione del direttore Charb e un invitato alla riunione di redazione, che si trovavano all’interno, più un secondo poliziotto accorso appena dopo la sparatoria e colpito sul marciapiede di fronte all’edificio.

Servizio di Cristina Pantaleoni – immagini di Federica Santoro

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.