VIDEO > Vigili in protesta in Campidoglio, noi con le mani pulite e pronti allo sciopero

0

(MeridianaNotizie) Roma, 9 gennaio 2015 – Alcune centinaia, gran parte in borghese, alcuni con le pettorine verdi di servizio, a riempire l’area attorno Sala della Protomoteca in Campidoglio. Sono gli agenti di Polizia locale di Roma Capitale partecipanti all’assemblea indetta dalle 11 alle 17 da diverse sigle sindacali, che, “poiché c’è già la sala della Protomoteca piena e molti fuori sulle scale, si svolgerà all’esterno”, spiega Francesco Croce della Uil Fpl. “La nostra è un’indignazione tracimante – proseVIGILI-PROTESTA6gue – perché il corpo è fatto di 6.000 persone oneste, che non hanno accettato il danno d’immagine fatto dal sindaco e dal comandante a carico del Corpo. Siamo pronti a fare tutte le iniziative pubbliche per sbugiardare questo atteggiamento strumentale e l’assoluta incompetenza di chi guida amministrazione e Corpo in questa fase”. E sulle possibili ripercussioni sul servizio per il derby Roma-Lazio, in programma domenica alle 15, spiega: “Per il derby non vogliamo offrire all’amministrazione un altro spunto per fare il pianto greco davanti alla popolazione – sottolinea – tenendo conto che provvedererebbero comunque d’imperio a revocare un’eventuale assemblea, come del resto stanno già provvedendo a stravolgere i turni di servizio dei dipendenti, solo in funzione della partita, sguarnendo le periferie e i vari servizi – chiosa – che la cittadinanza comunque richiede, al di là delle vetrine come Roma-Lazio”.

 VIGILI-PROTESTA7Tra i fischietti dei colleghi, incalza Stefano Lulli, segretario romano dell’Ospol: “Oggi siamo in assemblea per dare voce ai lavoratori. La nostra è una vertenza infinita, dall’ottobre 2013. E il contratto unilaterale è vergognoso”. Perciò, prosegue, “abbiamo lanciato un grido di allarme al sindaco, vogliamo un tavolo sulla Polizia municipale”. Mentre sulle assenze a Capodanno, precisa: “C’è stata una grande strumentalizzazione su numeri e cifre. È compito di chi ha ruoli istituzionali verificare le cifre. A oggi non abbiamo conoscenza di provvedimenti”.

All’assemblea sindacale dei lavoratori della Polizia locale in Campidoglio partecipano anche i due agenti del nucleo Sicurezza pubblica emergenziale, aggrediti ieri nel campo rom di via Candoni, zona Magliana, durante l’identificazione di un minore responsabile del furto di 8 Iphone nel centro commerciale Roma Est. “Hanno rischiato il linciaggio – afferma Marco Milani, coordinatore romano Ugl Polizia locale – Uno ha riportato una frattura alla mano e al naso, con 25 giorni di prognosi, un altro ha lo zigomo e la mano fratturati, con 15 giorni di prognosi. Lo stesso comandante Di Maggio ha subito un trauma cranico, con 7 giorni di prognosi”. Fa notare Milani: “Il sindaco decida se siamo impiegati e poliziotti. Queste persone non avranno un centesimo perché non abbiamo causa di servizio né assicurazione. E, ulteriore danno, non potendo venire a lavorare non potranno percepire la famosa produttività introdotta dal sindaco Marino. Questa è la verità sulle condizioni dei vigili urbani di Roma: pagati come impiegati, sebbene gli venga chiesto di fare i poliziotti”.

Servizio di Cristina Pantaleoni

Share.

Comments are closed.