Valle Aurelia-Vigna Clara, ecco cosa rimane della ferrovia che aprì per solo 8 giorni

0

(Meridiana Notizie) Roma, 9 aprile 2015 – Rovi, sterpaglie e immondizia. Ci troviamo nel tratto iniziale della linea di cintura nord di Roma, zona Valle Aurelia. Nella ferrovia che entrò in servizio per soli otto giorni in occasione dei mondiali di calcio del 1990. Il tratto successivo, fino a Roma Nomentana da un lato e Roma Smistamento dall’altro, non fu mai completato. La sede ferroviaria era predisposta per il doppio binario, che però non fu mai posato. Quel che resta è una stazione devastata dai vandali.

Un breve tratto di quasi 2 km, da Valle Aurelia alla fermata di Pineto, ritornò in esercizio tra il 1998 e il 2000, in concomitanza dei lavori di ammodernamento della vicina linea Roma –valle aurelia_ Viterbo. Ma adesso la sede ferroviaria è stata per gran parte disarmata e privata dell’elettrificazione. Il binario è ancora presente solo nel tratto da Valle Aurelia a Pineto, l’ultimo a venire utilizzato alla fine degli anni ’90, e nello scalo della stazione di Vigna Clara.

La linea avrebbe dovuto chiudere l’anello ferroviario della capitale, permettendo ai cittadini di muoversi in tutta la città attraverso il trasporto su ferro. In occasione del prossimo Giubileo, l’amministrazione ha deciso di rimettere nuovamente mano al progetto. Si cerca di non perdere l’ultimo treno e restituire ai romani un indispensabile servizio di trasporto.
Il servizio di Diana Romersi
Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.