Elio Toaff, in mostra al Museo ebraico la vita del rabbino “Moreno”

0

(Meridiana Notizie) Roma, 30 aprile 2015 – Documenti inediti, foto private e scritti solo ora consegnati alla storia del rabbino Elio Toaff. Nel giorno in cui avrebbe compiuto 100 anni viene inaugurata al Museo ebraico di Roma, la mostra dedicata al primo rabbino che abbia mai accolto un Papa in sinagoga.

La mostra, aperta fino al prossimo 30 settembre, è stata curata da due giovani storiche: Lia Toaff e Serena di Nepi e realizzata dalla Fondazione Elio Toaff in collaborazione con la Comunità romana. Il titolo della mostra “Shalom Moreno” si ricollega al rapporto che Toaff instaurò con la comunità ebraica e con il mondo intero. “Con ‘moreno’ è stato recuperato il titolo tradizionale delle antiche comunità ebraiche italiane – ha spiegato Di Segni – in cui il rabbino veniva chiamato ‘moreno’, che vuol dire ‘maestro'”. Un ruolo che Toaff ha svolto come rabbino capo a Roma per ben 50 anni. Proprio la sua attenzione ai giovani è stata sottolineata da Pacifici: “Dalle lettere di rav Toaff – ha affermato – emerge come avesse ben individuato le priorità per la nostra Comunità, le scuole ebraiche prima di ogni altra cosa. Spero sia di ispirazione per chiunque debba guidare la Comunità nei prossimi anni. È stato un grandissimo sionista – ha ricordato – che ha sempre affermato le ragioni di Israele nonostante non rinunciasse a elementi di critica”.

A ‘festeggiare’ il suo compleanno con il taglio del nastro dell’esposizione insieme al presidente della Comunità ebraica Riccardo Pacifici e il rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni, l’ambasciatore di Israele Naor Gilon e il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini. In rappresentanza del sindaco di Roma, l’assessore Paolo Masini.

Il servizio di Diana Romersi

Share.

Comments are closed.