L’Ospedale Bambino Gesù spegne le sue prime 30 candeline

0

foto5(MeridianaNotizie) Roma, 13 maggio 2015 – Dal primo trapianto di cuore all’avatar del paziente pediatrico. Dalle terapie avanzate per la cura delle leucemie al trapianto del microbiota intestinale. L’ospedale pediatrico Bambino Gesu’ celebra i 30 anni dal riconoscimento come Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs).

Durante il convegno organizzato all’Auditorium della sede di San Paolo Fuori le Mura, il presidente dell’Ospedale, Mariella Enoc e il direttore scientifico Bruno Dallapiccola, hanno ripercorso le tappe più importanti di una storia lunga 30 anni.

 Nel 1986 il primo trapianto di cuore in Italia su un bambino, nel 1992 l’apertura del Centro di assistenza per bambini malati di Aids, nel 1994 il primo trapianto di reni, nel 1997 l’inaugurazione del Dea, nel 2000 la nascita del laboratorio di robotica nella sede di Palidoro e, infine, nel 2010 il primo impianto al mondo di cuore artificiale pediatrico.

Servizio di Teresa Ciliberto

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.