Incidente Battistini, fermati i due rom: “Sono scoppiati a piangere”

0

(Meridiana Notizie) Roma, 1 giugno 2015 – Termina la latitanza dei due rom coinvolti nell’incidente davanti la metro Battisitni, che ha causato la morte della donna filippina Corazon Abordo Perez e il ferimento di altre otto persone. I due nomadi, un minorenne e il fratello diciannovenne, sono stati rintracciati alle prime ore di questa mattina in un terreno agricolo in zona Massimina, alla periferia di Roma.

Secondo quanto ricostruito dalla squadra mobile al volante c’era il minorenne. rom_Le indagini, condotte senza soluzione di continuità dal momento del fatto, sono state sviluppate attraverso acquisizioni testimoniali, riscontri incrociati, verifiche sui luoghi, perquisizioni e controlli in varie zone della città.

Per l’incidente, è già in carcere una 17enne che deve rispondere di concorso in omicidio volontario, omissione di soccorso e lesioni gravissime. Uno dei due fermati è il marito della minorenne. La coppia ha un figlio di 10 mesi.

Alla localizzazione dei fermati ha contribuito la madre dei ragazzi la quale, contrariamente all’atteggiamento non collaborativo di parte della famiglia, ha indicato il terreno in cui i due potevano trovarsi. A seguito dell’ennesimo controllo effettuato alle prime ore della mattina, E.H. e S.H. sono stati individuati e, senza opporre resistenza, sono stati fermati e condotti in Questura. Durante l’arresto entrambi i fratelli sono scoppiati a piangere. Davanti ai Pubblici Ministeri procedenti, i fermati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Il servizio di Diana Romersi

Share.

Comments are closed.