Mafia Capitale, proteste e insulti in Campidoglio: “Buffoni”

0

(Meridiana Notizie) Roma, 9 giugno 2015 – Momenti di tensione davanti l’ingresso del Campidoglio tra i vigili e i manifestanti in protesta al grido ‘Dimissioni’. I lavoratori di Multiservizi e gli attivisti del M5s hanno cercato di entrare a Palazzo Senatorio ma è stato impedito l’accesso: le porte del Campidoglio sono state chiuse.

“Tutti a casa”, “Buffoni”, “Dimettiti”. Il sindaco di Roma Ignazio Marino è stato contestato dai militanti del Movimento 5 Stelle in protesta in assemblea capitolina, entrati dopo l’apertura delle porte di accesso al Campidoglio. Il primo cittadino era presente in Aula Giulio Cesare.

A scatenare la rabbia gli ultimi sei arresti da parte della Guardia di finanza per appalti truccati: tra le gare nel mirino anche quella relativa al restauro dell’aula Giulio Cesare del Campidoglio, dove si riunisce il Consiglio comunale. La gara sarebbe stata affidata a trattativa privata a Fabrizio Amore, imprenditore coinvolto in Mafia Capitale.

La redazione

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.