Putin alla tv svizzera: “Vorrei un’Europa più sovrana e indipendente. Blatter? merita il nobel”

0

(MeridianaNotizie) Mosca, 6 agosto 2015 – Il canale televisivo russo internazionale “Russia Today” ha riportato un’intervista della radiotelevisione svizzera (Rts) al presidente della Federazione Russa Vladimir Putin su alcuni temi di politica internazionale, in particolare riguardo i rapporti tra i paesi europei e la Russia e tra questa e gli Stati Uniti (https://www.youtube.com/watch?v=n0O5XQK_qDQ). Il leader del Cremlino, scongiurando l’eventualità di una nuova guerra in Europa, ha nella fattispecie espresso la volontà che in ogni caso “l’Europa acquisisca più indipendenza e sovranità e che fosse nelle condizioni di poter far fronte ai propri interessi nazionali, gli interessi dei suoi popoli e dei suoi paesi. Allora sarà d’accordo anche lei che se per trattare con i partner europei bisogna discuterne a Washington, tutto ciò non è molto interessante”.putin-expo1

Il presidente russo ha poi messo in evidenza come tra l’altro diversi problemi cui deve far fronte l’Europa spesso scaturiscono da politiche statunitensi, per esempio per quanto riguarda il fenomeno dell’immigrazione da ormai diversi anni all’ordine del giorno e su tutte le prime pagine dei giornali: “oggi l’Europa sta affrontando un problema concreto, il problema dell’ondata migratoria. Ma è stata l’Europa a prendere le decisioni che hanno portato a questa situazione?

Bisogna essere franchi e sinceri: queste decisioni sono state prese oltre oceano, ma i problemi li sta affrontando l’Europa.” Anche per quanto riguarda la nuova corsa agli armamenti e il pericolo che ne potrebbe conseguire, Putin ne attribuisce la responsabilità agli Usa, i quali sarebbero usciti per primi unilateralmente dal patto sulla difesa antimissilistica, per cui Mosca sarebbe stata costretta di conseguenza ad agire per conservare l’equilibrio strategico delle forze. Tuttavia Putin ha contemporaneamente voluto sottolineare che l’atteggiamento russo verso la politica estera americana non è tacciabile di anti-americanismo, in quanto “i russi hanno grande rispetto e amore per gli Usa e soprattutto per il popolo americano”, anche se appunto a suo parere ciò “non dà il diritto all’attuale dirigenza statunitense di andare in giro per il mondo   mettere in galera tutta la gente che vuole”. Il riferimento è al presidente della Fifa Blatter – meritevole del premio Nobel secondo Putin – su cui si è altresì soffermata la tv svizzera intervistando il suo importante ospite, il quale a tal proposito ha messo in dubbio la buona fede degli Usa nella loro battaglia contro la corruzione, affermando che: “Persone come il presidente della Fifa Blatter, come altri dirigenti delle grandi organizzazioni sportive internazionali, dei comitati olimpici, meritano tutta l’attenzione e la riconoscenza possibili”.

Patrizio Marrone

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.