Berlusconi incontra Putin in Crimea: la condanna di Kiev

0

(MeridianaNotizie) Sebastopoli, 13 settembre 2015 – L’ex presidente del consiglio italiano Silvio Berlusconi si è recato in Crimea dove ha fatto nuovamente visita al presidente russo Vladimir Putin, con il quale vanta un’amicizia di lunga data. I media russi hanno messo ampiamente in risalto quella che è la seconda visita privata di Berlusconi da Putin in pochi mesi, dopo quella dell’11 giugno scorso quando i due leader si erano incontrati sui monti Altai in Siberia.

L’incontro è stato caratterizzato dalla visita di diversi luoghi di interesse storico-culturale e religioso, quali musei cattedrali e monumenti, tra cui in particolare quello in memoria dei soldati del Regno di Sardegna caduti nella guerra di Crimea (1855-1856), che i due politici hanno onorato ponendovi delle rose rosse e con la proposta di costruirvi intorno un parco commemorativo (http://tass.ru/politika/2253923). Silvio Berlusconi ha dichiarato alla stampa russa di essere rimasto positivamente colpito dalla Crimea, in particolare dalle sue bellezze naturali e museali, riporta l’agenzia di informazione russa Ria Novosti. “Penso che la terra di Crimea sia meravigliosa, mi hanno fatto un’ottima impressione tanto la terra, quanto il mare e le montagne”, ha detto l’ex premier italiano di fronte ai giornalisti (http://ria.ru/politics/20150912/1246385941.html).

La nuova visita di Berlusconi al presidente della Federazione Russa, e in una terra che sia Bruxelles che il governo di Kiev considerano occupata illegittimamente dai russi, ha subito incontrato il giudizio di condanna da parte di quest’ultimo. “La condotta del politico italiano va anche contro la politica dell’Unione Europea riguardo il giudizio sulle azioni della Russia e sul non riconoscimento dell’occupazione illegale della Repubblica autonoma di Crimea”, hanno dichiarato dal ministero degli Esteri d’Ucraina (http://ria.ru/world/20150911/1244980945.html).

Patrizio Marrone

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.