Fallimento Wind Jet: finisce in manette Antonio Pulvirenti, ex patron del Calcio Catania

0

(MeridianaNotizie) Roma, 29 gennaio 2016 – Finiscono in manette Antonio Pulvirenti, ex patron del calcio Catania, e Stefano Rantuccio nell’ambito dell’inchiesta per  bancarotta fraudolenta della compagnia aerea Wind Jet, di cui erano rispettivamente presidente e amministratore delegato.

I due arresti rientrano nell’operazione denominata “Icaro”. Dalle indagini condotte dagli agenti della Guardia di Finanza sarebbero emersi gravi irregolarità nella gestione della società compiute già nel 2015. Anomalie che nel tempo avrebbero portato al dissesto di Wind Jet, con un passivo di oltre 238 milioni di euro e con debiti verso l’erario per oltre 43 milioni di euro.

La vicenda nasce nell’agosto 2012, quando, a seguito del fallimento della trattativa per la cessione della Wind Jet all’Alitalia, la compagnia aerea siciliana, in forte crisi di liquidità, aveva sospeso le proprie attività,  lasciando a terra migliaia di passeggeri e senza lavoro circa 500 dipendenti.

Il quadro complessivo emerso dall’esame della documentazione sequestrata ha evidenziato che la società, già a partire dal 2005 non avrebbe dovuto operare sul mercato in ragione delle ingenti perdite accumulate. L’esame della documentazione bancaria acquisita ha anche permesso di accertare che lo stesso Stefano Rantuccio, con l’aiuto del fratello Biagio (anch’egli indagato), si sarebbe appropriato, di oltre 270 mila euro tratti da somme precedentemente trasferite dalla Wind Jet su conti di società estere attraverso fatture gonfiate. La restituzione ai Rantuccio è avvenuta attraverso bonifici su conti personali e accrediti su carte prepagate intestate a prestanome rumeni.

Servizio di Teresa Ciliberto

Share.

Comments are closed.