Dalla fusione di LAit e Lazio Service nasce LazioCrea, con un risparmio di 1,3 mln annui

0

(MeridianaNotizie) Roma, 07 marzo 2016 –Una nuova compagnia da 1.600 dipendenti, frutto della fusione tra le società regionali LAit spa e Lazio Service spa, con oltre 4,3 milioni di euro di risparmi di gestione previsti. Si tratta di LazioCrea spa, presentata dal governatore del Lazio Nicola Zingaretti. L’operazione di accorpamento, perfezionatasi il 31 dicembre 2015, rientra in un processo di riordino e riorganizzazione amministrativa che ha già portato da 35 a 6 le società direttamente partecipate. Quattro società per 4 settori strategici e le due rimanenti (San.Im spa e Autostrade per il Lazio Spa) verranno dismesse al completamento delle proprie attività specifiche.

L’operazione, a regime, spiegano dalla Regione, avrà come beneficio un minor esborso per le casse regionali di 1,3 milioni di euro annui, derivante dalla riduzione dei costi per gli organi sociali, dei costi esterni, dall’ottimizzazione degli oneri finanziari. A ciò si aggiungerà il risparmio di mezzo milione di euro annui per la cessazione della locazione dell’immobile sede ex Lait spa di via A. B. Cairoli 68 e il conseguente trasferimento del personale nella sede di via del Serafico 107. Alle economie frutto della fusione, si aggiungono, inoltre, i circa 2,5 milioni di euro già risparmiati nel 2015, rispetto al 2014, in Lazio Service spa, in seguito alla profonda revisione dei costi aziendali promossa dal nuovo management, attraverso interventi su voci come locazioni, informatizzazione, rimborsi; piano operativo attuato contestualmente all’azzeramento dei debiti verso i fornitori. Il processo di fusione si è concluso con la salvaguardia dei livelli occupazionali e il mantenimento delle professionalità interne, che si intendono valorizzare attraverso un percorso di analisi delle competenze e di riorganizzazione che si concluderà a breve.

In totale la profonda opera di riorganizzazione amministrativa della Giunta Zingaretti, si sottolinea, ha già portato a risparmi per oltre 26 milioni di euro: 6,75 milioni di euro per la soppressione e internalizzazione dell’Asp (Agenzia Sanità Pubblica); 6 milioni di euro annui per il riordino dell’ex Sviluppo Lazio; 1,3 milioni di euro per la fusione Lait e Lazio Service; 5 milioni di euro annui per la soppressione dei Creia (Centri regionali di Educazione Ambientale) e 4 milioni di euro annui per la soppressione dell’Agenzia regionale Trapianti. 

Servizio di Teresa Ciliberto

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.