Mafia, sequestrati beni per 6 mln di euro a due imprenditori trapanesi del gruppo Candela

0

(MeridianaNotizie) Roma, 08 marzo 2016 – Sequestrati beni per un valore di circa 6 milioni di euro, nei confronti di 2 imprenditori legati a esponenti di famiglie mafiose della provincia di Trapani, attivi da anni nel settore edile.

Le attività investigative, svolte tra la seconda metà degli anni ’90 e il 2007, hanno permesso di accertare nel tempo il legame tra il gruppo imprenditoriale Candela e la famiglia trapanese di Cosa Nostra, alla quale i Candela hanno garantito ingenti risorse economiche nel settore degli appalti pubblici. Gli investigatori hanno appurato che le attività illecite del gruppo sono state messe in atto negli anni anche grazie alla compiacenza di funzionari corrotti.

In particolare il sequestro ha riguardato  8 beni immobili,  37  beni mobili registrati (autovetture, furgoni, mezzi meccanici), 5 società/imprese (capitali sociali e pertinenti complessi aziendali),  10 partecipazioni in altre società e 114 tra conti correnti e rapporti bancari di altra natura, per un valore complessivo di circa 6 milioni di euro.

Servizio di Teresa Ciliberto

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.