Sprechi alla Reggia di Caserta, alloggi a 3 euro: Soprintendenza accusata di “mala gestio”

0

(Meridiana Notizie) Roma, 7 aprile 2016 – Dai 3 euro ai 145, sono i canoni richiesti ad ex dipendenti e parenti che per anni hanno occupato alloggi interni al complesso monumentale della Reggia di Caserta. “Mala gestio” è l’accusa notificata al Soprintendente pro-tempore della Soprintendenza di Caserta e a tre dirigenti pro-tempore dell’Agenzia del Demanio della Filiale Campania. A notificarli i finanziari di Caserta, al termine di accertamenti che hanno quantificato un danno all’erario pari a 1,2 milioni di euro.

L’inchiesta ha fatto emergere come le amministrazioni pubbliche coinvolte, Demanio e Soprintendenza appunto, nel corso degli anni, abbiano “subito e tollerato la permanenza senza alcun titolo in 15 alloggi di ex dipendenti o di loro parenti”, i quali, “oltre ad usufruire di parcheggi in spazi interni al complesso monumentale, hanno anche avuto la incondizionata possibilità di accesso ed utilizzo delle aree dello stesso Parco Vanvitelliano”.

Il servizio di Diana Romersi

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.