Truffa Inps da 160mila euro, con la pensione della madre morta compra due ville a Piombino

0

(MeridianaNotizie) Roma, 29 aprile 2016 – Truffa aggravata. Con queste accuse è stata data esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni immobili nei confronti di una donna in provincia di Piombino. Le indagini hanno avuto origine nel 2014 dalla denuncia presentata dalla direttrice dell’INPS di Piombino che aveva ravvisato delle anomalie sull’erogazione di una pensione di 900 euro, corrisposta ad una signora poi risultata deceduta da ottobre 1997, all’età di 74 anni.truffa-inps1

Gli accertamenti della Guardia di finanza, hanno confermato l’ipotesi riscontrando che la figlia della signora, parrucchiera, aveva omesso di comunicare il decesso della madre, traendo in inganno l’ente erogatore, continuando cosi a percepire mensilmente, in virtù di una delega a suo tempo conferita dal genitore, dal mese di novembre 1997 al 31 luglio 2013, la relativa pensione,per un totale di 162mila euro.

La donna, riscuoteva i soldi in contanti e li versava nei conti correnti dei familiari, determinando cosi una promiscuità patrimoniale, da cui la famiglia ha attinto per provvedere tra l’altro al pagamento delle rate di un mutuo, contratto per un valore di 430 mila euro, per l’acquisto di due villette con garage nel comune di Rosignano Marittimo.

Cristina Pantaleoni

Share.

Comments are closed.