Ballano sui binari e si riprendono con una videocamera, denunciati in 4 a Milano

0

(MeridianaNotizie) Milano, 1 giugno 2016 – Per fortuna non è finita in tragedia la “bravata” di quattro ragazzi che, qualche sera fa, hanno deciso di mettersi in serio pericolo girando un video musicale proprio in mezzo ai binari, appena fuori la Stazione ferroviaria di Milano Centrale.

I quattro giovani hanno sfidato la sorte posizionandosi sulla massicciata e schivando i treni all´ultimo momento; sono stati denunciati per interruzione di pubblico servizio dal personale della Polizia Ferroviaria di Milano, che li ha colti in flagranza di reato.ballo-binari-milano1

La sera del 7 maggio intorno alle 21, sono giunte svariate segnalazioni alla Sala Operativa della Polizia Ferroviaria, da parte di personale ferroviario in servizio alla Stazione Centrale e dai macchinisti dei treni in transito nella zona, i quali hanno comunicato alla Polfer la presenza dei giovani sulla sede ferroviaria con una videocamera e uno stereo al seguito.

Gli agenti sono giunti sul posto e hanno visto i ragazzi mentre, incuranti del pericolo, si riprendevano e ballavano a suon di musica rap, mentre a pochi centimetri transitavano i convogli, ai quali era stata comandata la c.d. “marcia a vista” per motivi di sicurezza. I poliziotti hanno utilizzato proprio quei treni come scudo per non essere notati e, soprattutto, per evitare che i ragazzi, una volta accortisi della loro presenza, si fossero messi in ulteriore pericolo scappando di corsa lungo i binari. E così tre di loro sono stati colti in flagranza e fermati, mentre il quarto, che era riuscito a dileguarsi, è stato identificato dalla Polfer nei giorni successivi a seguito di accertamenti.

Cittadini italiani, poco più che ventenni, residenti a Milano, Varese e Genova sono risultati tutti incensurati.

A seguito del comportamento irresponsabile dei giovani, quella sera il traffico ferroviario ha subito numerosi rallentamenti, con ritardi fino a 60 minuti circa, sia di treni veloci che regionali.

Share.

Comments are closed.