Carceri,Cangemi: Ancora molto da fare, serve scelta ideologica

0

 

(MeridianaNotizie) Roma, 24 maggio 2017 – “Per le carceri del Lazio si può fare molto, investendo impegno e risorse, ma alla base deve esserci una forte scelta ideologica. In Consiglio regionale abbiamo affrontato il tema del reinserimento dei detenuti insieme al sottosegretario Ferri, al Garante dei Detenuti del Lazio, Anastasia, al direttore del carcere di Rebibbia e di Regina Coeli, e molti altri esperti delle problematiche carcerarie, convinti che questi momenti di confronto aiutino le istituzioni nella loro azione a sostegno degli istituti penitenziari e della popolazione detenuta. Proprio come è accaduto in occasione del primo seminario sul giusto reinserimento, lo scorso anno, che ha portato all’introduzione, nella legge di riordino dell’informazione, di una norma dedicata alle attività editoriali negli istituti penitenziari come strumento per aiutare il reinserimento sociale”.
È quanto dichiara, in una nota, il consigliere regionale del Lazio, Giuseppe Cangemi, presidente della commissione consiliare di Vigilanza sul Pluralismo dell’Informazione promotore, insieme alle associazioni Forum Giovani e Gruppo Idee, del convegno ‘Garantire la giustizia, corretta e giusta integrazione per la sicurezza’, che si è svolto in Consiglio regionale. La prima sessione, moderata dal giornalista del Tempo, Daniele Di Mario, ha visto gli interventi dei consiglieri regionali Marta Bonafoni , vicepresidente commissione regionale di controllo della criminalità organizzata, e Giancarlo Righini, presidente FdI; Flavia Cerquoni, coordinatrice Gruppo Carceri (Forum Nazionale Giovani), Luigi Iorio (Legislativo Forum Nazionale dei Giovani), Germana De Angelis (vice presidente Gruppo Idee), Rosella Santoro, (direttore carcere di Rebibbia), Fabio Pierangeli, (professore Facoltà Lettere e filosofia Università Tor vergata), Emilio Minunzio (vice presidente nazionale Asi), Katia Anedda (presidente onlus Prigionieri del Silenzio) Walter De Agostino (avvocato).A seguire si è svolto il dibattito, condotto da Bruno Vespa, a cui hanno partecipato il sottosegretario alle Giustizia, Cosimo Maria Ferri, il Garante dei detenuti del LaIo, Stefano Anastasia, Marco Patarnello (Magistrato di Sorveglianza di Roma), Antonella Di Spena ( Direzione generale Esecuzione penale esterna e di messa alla prova), Silvana Sergi (direttore carcere Regina Coeli), Mario Baccini (presidente Ente Nazionale per il Microcredito) e Maria Cristina Pisani (presidente Forum Nazionale dei Giovani).”Ringrazio tutti i relatori – aggiunge Cangemi – che hanno approfondito, con estrema competenza, le problematiche e le difficoltà ancora esistenti legate al pieno reinserimento e recupero sociale dei detenuti, dando indicazioni preziose alle istituzioni, in primis alla Regione Lazio, per contribuire a raggiungere questo traguardo. Dopo una lunga attesa, il Lazio finalmente ha di nuovo il Garante dei Detenuti pienamente operativo e abbiamo il dovere di metterlo in condizione di poter lavorare al meglio sui vari fronti che interessano il mondo carcerario, incluso il giusto reinserimento sociale integrato alla sicurezza”.

Share.

Comments are closed.