Operazione Strade Nuove. Raggi: al via seconda fase stop buche

0

buche-roma1(MeridianaNotizie) Roma, 27 maggio 2017 – “Continua il programma #StradeNuove. Con il completamento dei lavori in viale della Primavera stiamo ultimando la prima fase dell’operazione di manutenzione ordinaria delle strade di competenza del Campidoglio. E lanciamo la seconda fase per intervenire sul problema delle buche in modo ancora più esteso”. Lo dichiara la sindaca Virginia Raggi. “Gli interventi della prima fase – prosegue la Sindaca – prevedono una spesa di circa 7,5 milioni di euro, sugli oltre 85 milioni di lavori che abbiamo programmato nel giro di un anno. Facciamo quindi il punto: si sono già chiusi i cantieri sui tratti più danneggiati di via di Acquafredda, via della Pisana, via della Magliana, via Appia Nuova, via del Tintoretto, via Erminio Spalla, via di Boccea, via Collatina e viale della Primavera; sono già iniziati i lavori in via Palmiro Togliatti e via Anagnina, via L’Aquila e via Casilina”. “Parallelamente – conclude Raggi – è partita, con l’apertura del cantiere in via Arenula, una seconda fase di interventi suddivisa in dieci lotti in tutti i Municipi, sulle strade dell’Eur e sulle sedi tramviarie per un importo complessivo superiore ai 12 milioni di euro, oltre ai lavori su ponti, cavalcavia, viadotti e gallerie per un valore di circa 2,4 milioni di euro. Andiamo dunque avanti con lavori puntuali, tutti affidati con procedure a evidenza pubblica, mettendo a sistema tutti gli interventi e programmando l’avvio dei cantieri per affrontare finalmente in modo organico il problema delle buche in città”. E a proposito di approccio organico al problema la stessa Sindaca ha soggiunto: “La manutenzione delle strade a cui non siamo abituati è un’attività continua. Da quando ci siamo insediati abbiamo avviato le gare per i lavori di manutenzione, e la manutenzione deve essere continuata per 365 giorni l’anno. I lavori andranno a sistema via via che le gare vengono aggiudicate. E’ un’attività che l’amministrazione deve svolgere sempre, altrimenti poi bisogna intervenire con la manutenzione straordinaria”.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)

 

Share.

Comments are closed.