Raggi: “Mie dimissioni in caso di rinvio a giudizio? Direi di no”

0

Raggi(MeridianaNotizie) Roma, 31 maggio 2017 – I guai giudiziari si intrecciano con la quotidianità amministrativa dell’amministrazione Raggi. Dopo l’ok da parte dei giudici, che hanno di fatto rimandato la decisione di chiamare a testimoniare la sindaca alla discrezionalità degli avvocati di Raffaele Marra, oggi la prima cittadina si è detta pronta a testimoniare. “Il dovere di testimonianza è previsto dal codice e quindi andrò lì come previsto da legge”. La sindaca è però indagata nell’ambito della nomina del fratello dell’ex capo di Gabinetto, Renato Marra, a capo del dipartimento Turismo e non è esclusa la possibilità che venga rinviata a giudizio. Le passate campagne grilline pongono il quesito: si dimetterà o meno? Nei giorni scorsi il premier in pectore Luigi Di Maio aveva detto che le dimissioni non sarebbero state necessarie. Ed oggi anche la diretta interessata ha manifestato l’intezione di resistere: “Mie dimissioni in caso di rinvio a giudizio? Stiamo parlando in questo momento di una cosa che non è attuale. E comunque direi di no”. A stretto giro a supporto di Raggi torna anche Luigi Di Maio: La testimonianza della sindaca Raggi al processo Marra “è una normale procedura, tutti i cittadini se chiamati a testimoniare hanno il dovere di andare”. E a chi gli chiede delle dimissioni in caso di rinvio a giudizio ha spiegato: “Ho già detto che il nostro codice etico parla chiaro”.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)

 

Share.

Comments are closed.