Vigili, Capodanno: il tribunale da ragione ai sindacati

0

vigili 1(MeridianaNotizie) Roma, 4 maggio 2017 – Il Tribunale del Lavoro di Roma ieri ha sentenziato (n° 3977 / 2017) che il DiCCAP, multato dalla Commissione di Garanzia per i fatti di Capodanno 2015,lo è stato “senza i riscontri specifici” e “con grave carenza dimostrativa”. “Lo abbiamo detto sin dal primo giorno che abbiamo rispettato le regole, si pensi che in quel Capodanno hanno lavorato persino i nostri dirigenti sindacali, nessuno di noi ha mai detto ai lavoratori di starsene a casa ed infatti il servizio si è svolto regolarmente, senza intoppi o incidenti e tutte le piazze e strade sono state presidiate.” ha dichiarato Stefano Giannini, Coordinatore romano del DiCCAP. “Poi dopo un cinguettio dell’allora Presidente del Consiglio” ha aggiunto Giannini “a seguito di un controverso comunicato dell’ex-Comandante della Polizia Locale, ne è nato un caso politico, guarda caso in coincidenza con le modifiche all’art. 18 dello Statuto, del primo Job Acts, che poi il Parlamento ha approvato tre mesi dopo, nel marzo 2015.” “Sono stati strumentalizzati dei dati: si prenda la storia dei 700 malati,” ha proseguito Giannini “mica è stato detto che, dati del Campidoglio, ogni anno in quel periodo influenzale e di freddo le statistiche danno per assenti sempre circa 700 poliziotti locali al giorno, cosa normale visto che i vigili lavorano in strada alle intemperie. Si è taciuto infine dei restanti 5000 appartenenti al Corpo che erano stati mandati in ferie senza pensare al capodanno e misteriosamente scomparsi dalla conta né mai citati da chi ci ha attaccati. Abbiamo sempre difeso ed avuto fiducia nel lavoro della Magistratura,” ha concluso Giannini “convinti che i processi si debbano fare nelle aule dei Tribunali e non su Twitter o nei salotti della Tv. Purtroppo in questo Paese la stalla si chiude sempre dopo che i buoi sono usciti: la Polizia Locale, già antipatica di suo perché fa le multe, è stata demonizzata e ci vorranno anni affinchè tutte queste tossine messe in circolo siano smaltite.”

(a cura di Cecilia Guglielmetti)

 

Share.

Comments are closed.