Casa del Cinema, giovedì omaggio a Gian Luigi Rondi. E da oggi mostra sull’arte del disegno cinematografico

0

(MeridianaNotizie) Roma, 19 settembre 2017 – Giovedì 21 settembre, a un anno esatto dalla scomparsa, la Cineteca Nazionale ricorda presso la Casa del Cinema di Roma il grande decano della critica cinematografica, Gian Luigi Rondi (Tirano, 10 dicembre 1921 – Roma, 22 settembre 2016). Per l’occasione verrà riproposto il documentario di Giorgio Treves, Gian Luigi Rondi. Vita, cinema e passione (2014), seguito dalla presentazione del secondo volume di Tutto il cinema in 100 (e più) lettere dedicato stavolta alle missive di grandi personalità cinematografiche straniere, che Rondi riceveva e con grande amore conservava. Gian Luigi Rondi. Vita, cinema e passione è il risultato di oltre 10 giorni di confessioni, ricordi e rivelazioni del critico. Attraverso i suoi racconti e con il contributo di testimoni come Gilles Jacob, Carlo Lizzani, Ettore Scola, Francesco Rosi, Paolo e Vittorio Taviani, Pupi Avati, Gina Lollobrigida, Margarethe von Trotta, Adriano Ossicini e altri, e grazie a rari materiali d’archivio, si ripercorre la storia del cinema italiano e dell’Italia del Novecento. I suoi ricordi accompagnano in prima persona gli eventi che hanno segnato il nostro Paese: dal primo dopoguerra al ventennio fascista, dalla Seconda Guerra Mondiale alla Ricostruzione, dal Boom economico alla contestazione degli anni Settanta, fino ai giorni nostri. Il regista Treves, oltre a raccontare la vita privata e lavorativa del novantaduenne Rondi, ripercorre nel film anche i suoi primi impegni extra-giornalistici: il coinvolgimento accanto al sottosegretario Giulio Andreotti nel rilancio del cinema italiano, scioperi, manifestazioni e mobilitazioni, come quella storica a Piazza del Popolo cui aderirono i più popolari artisti del tempo.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)

 

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.