Alla Fiera di Roma un weekend all’insegna dell’artigianato con “Arti e Mestieri Expo”

0

MeridianaNotizie (Roma) – Lampadari, ceramica, bigiotteria, eccellenze enogastronomiche e molto altro ancora. Dal 14 al 17 dicembre, la Fiera di Roma ha ospitato “Arti e Mestieri Expo”, la tradizionale manifestazione dedicata all’artigianato e giunta alla sua dodicesima edizione. Presenti più di 200 espositori, che raccontano la storia dei mestieri, i luoghi del gusto, le arti dello spettacolo e l’amore per le tradizioni, la manifestazione quest’anno si rinnova acquisendo un respiro internazionale con la sezione “Horizons”, con la presenza di prodotti tipici provenienti dall’estero.

Una formula rinnovata che accosta alla valorizzazione delle peculiarità artigianali anche momenti didattici e laboratoriali rivolti alle scuole, alla riscoperta delle arti manuali e della multisensorialità. Infatti, Arti e Mestieri ospita l’alternanza scuola-lavoro grazie a Formacamera, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma che si occupa di formazione scolastica e professionale con il contributo di CNA-Roma con le scuole di Pasta, Pane, Pizza e Panettone, aperte anche alla partecipazione del pubblico.

Tra i protagonisti di questa edizione, anche lo chef Fabio Campoli, opinion leader del panorama gastronomico italiano, fondatore di Campoli Azioni Gastronomiche e presidente di ProDiGus, che porta la sua trentennale esperienza insieme ai suoi numerosi ospiti quotidiani, tra show cooking, dibattiti e presentazioni. Accanto a lui per un appuntamento all’insegna di musica e cucina anche Mauro di Domenico con “una chitarra tra Napoli e il mondo”

Accanto a lui gli “Esaltatori di Sapere” che hanno condotto il pubblico alla scoperta delle più ricercare prelibatezze gastronomiche: dallo street food rivisitato in chiave gourmet, al gelato, passando per i biscotti, il sale marino e i vegetali, senza perdere di vista la salute e la cultura.

In anteprima mondiale Farzane Vaziritabar presenta alla Fiera di Roma l’installazione “Shot at a Dream”: un gioco di luci e trasparenze, di filmati e materiali plastici che conducono lo spettatore in una dimensione onirica. Un’esortazione alla pace, tra scene di terrorismo . Un’opera dal forte valore emblematico per inaugurare il nuovo corso di “Arti e Mestieri”, che da quest’anno allarga le sue frontiere al mondo.

Servizio di Teresa Ciliberto

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.