Regionali, De Vito(M5S): spazio ad Imprese e Artigianato

0
65

 

 

(MeridianaNotizie) Roma, 12 febbraio 2018- “Mi chiamo Francesca De Vito, sono nata a Roma 52 anni fa, mi sono laureata in Scienze dell’Amministrazione, sono sposata e ho un figlio che finita la scuola superiore si è trasferito a Londra.Durante gli anni universitari ho lavorato presso un laboratorio che realizzava vetrate a piombo.Questo mi ha permesso di avvicinarmi non solo alla magia dei colori e delle trasparenze, ma al fantastico mondo dell’artigianato. Progettare un oggetto e poi crearlo è veramente un’immensa soddisfazione.Purtroppo la crisi degli anni 2000 ha fagocitato anche l’attività dove lavoravo – che nel frattempo avevo acquisito – e con la mia sono purtroppo scomparse tante altre “botteghe” in questi ultimi anni.Terribile vedere infranti i propri sogni e terribile che un Paese come il nostro, non riesca a tramandare il suo bagaglio storico-culturale alle future generazioni, con una politica sensibile e attenta al mondo dell’artigianato e della piccola e media impresa. Un mondo che sta inesorabilmente scomparendo.Ci sono migliaia di ragazzi che non hanno la forza o la possibilità di confrontarsi con lo studio e che potrebbero scoprire nella propria manualità una risorsa per affrontare con dignità e qualità il proprio futuro. Questi ragazzi si trovano ad essere letteralmente abbandonati, invisibili, poiché non trovano nelle istituzioni il benchè minimo supporto o qualsivoglia forma di sussidio. Si deve avviare una sinergia tra gli artigiani e questi giovani affinché possa avvenire un passaggio generazionale di sapienza e di arte. È doveroso. Dopo la chiusura dell’esperienza da imprenditrice, mi sono specializzata sulle gare d’appalto, con corsi di formazione e aggiornamento. Lavoro da più di 10 anni per una grande società ed ho imparato a fare molta attenzione a come vengono impostati i bandi:  molte volte basterebbe una diversa modulazione dei capitolati per fare in modo che il valore economico delle stesse sia vantaggioso per le società locali e non solo appetibile per le grandi imprese nazionali. Una tutela delle aziende del territorio va garantita, soprattutto alle PMI che faticano a riprendersi dalla crisi.Mi sono iscritta al M5S nei primi mesi del 2012 quando tutti gli attivisti di Roma entravano in un unico grande locale e le votazioni si facevano per alzata di mano.  Questo entusiasmo ha coinvolto intere famiglie, fratelli, genitori e figli, coppie, hanno condivido questo progetto di rivoluzione culturale e politica.Da allora è stato un crescendo di passione e di impegni a partire dalla costituzione del MU del II Municipio che mi ha proposto quale candidata alla Presidenza nel 2013. Nello stesso anno mio fratello Marcello è stato scelto per essere il candidato del Movimento a Sindaco di Roma, così ho preferito fare un passo indietro pur continuando a militare attivamente. Banchetti, riunioni e tavoli di lavoro ai quali con crescente entusiasmo ho partecipato in questi anni, e che sono l’essenza del Movimento e la sostanziale differenza con gli altri partiti, non hanno fatto che alimentare il mio coinvolgimento in prima persona.La partecipazione è ciò che ci caratterizza e ci differenzia dalle altre forze politiche, facendoci sentire non solo parte di un progetto ma gli artefici del nostro destino. E questo è entusiasmante! Per citare una delle maggiori soddisfazioni, siamo riusciti lo scorso anno, nell’ambito del tavolo bilancio, a far decollare su Roma il progetto del Microcredito grazie a un incontro fortuito con un Direttore della BCC.Ad oggi, in pochissimo tempo, ben 10 attività sono state aperte con il nostro contributo e altre 10 sono in fase di firma.Questa la sostanziale differenza tra parlare di lavoro e crearlo! Pochi mesi fa molti amici attivisti mi hanno sollecitato a proporre la mia candidatura alle regionali. Ho ascoltato il loro suggerimento ed ho l’onore di essere una delle elette sulla piattaforma Rousseau: faccio parte della meravigliosa squadra che concorre alle elezioni, capitanata da una spettacolare combattente come Roberta Lombardi.Entrare alla Pisana significa poter dare il mio contributo ancora più concretamente: a piccoli passi, il mio impegno per migliorare la qualità della vita delle persone nel Lazio, per aumentare le opportunità riservate ai nostri ragazzi nella formazione e nell’educazione, per fornire strumenti adeguati per il rilancio delle imprese. In una parola: #LaNostraRegioneDiVita “.  E’ quanto scrive sulla sua pagina Facebook  Francesca De Vito, candidata al Consiglio Regionale del Lazio nella lista del Movimento 5 Stelle”.