Roma, “Quanto ti vuoi bene”: un ritratto della net generation al femminile

913

(Meridiananotizie) Roma 24 novembre 2011 – In una società sempre più connotata dalla rivoluzione digitale, i dispositivi tecnologici sono diventati una estensione della persona, aprendo la strada a nuove opportunità di espressione e conoscenza del mondo. Protagonisti di questa trasformazione sono soprattutto i giovanissimi, bambini e adolescenti della “net generation” cresciuti vivendo la Rete come un’abitudine di cui non potrebbero fare a meno. È all’interno di questo scenario che si colloca “Quanto ti vuoi bene”, il libro che è stato presentato questa mattina dal direttore Corporate Social Responsability e National Development di Microsoft Italia, Roberta Cocco, dal Consigliere Componente dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio, Isabella Rauti, e dalla fotografa Jacqui James. Il volume, come evidenziato dalla Cocco, raccoglie i risultati dell’indagine condotta presso le ragazze italiane dai 9 ai 16 anni, per sondare il loro livello di autostima e capire come gli strumenti digitali ne influenzino lo sviluppo, nella gestione dei legami sociali e affettivi. Ideatrice dell’iniziativa la fotografa australiana Jacqui James, che attraverso i suoi scatti ha voluto descrivere le insicurezze e le caratteristiche delle giovanissime. Entusiasta di questa indagine sociale volta a far emergere la condizione e i pensieri delle adolescenti e preadolescenti italiane, Isabella Rauti, intervenuta per metterne in evidenza gli intenti. Il servizio di  Mariacristina Massaro

Articolo precedenteRoma, inaugurata la 46 settimana della vita collettiva al Palazzo Congressi dell’ Eur
Articolo successivoRegione Lazio, Internet: al Consiglio Regionale le proposte degli studenti