Roma, arte: al Macro 200 scatti firmati Steve McCurry. Finestre aperte sul mondo

368

(Meridiananotizie) Roma, 2 dicembre 2011 – Vagabondo per scelta, Steve McCurry, il celebre fotografo statunitense, ha fatto del nomadismo la sua cifra stilistica. Il cacciatore di sguardi e atmosfere esotiche, è un instancabile pedinatore di popoli e individui che, nonostante la differenza di usi e latitudini, finiscono tutti per avere un qualcosa di riconducibile e familiare. Mc Curry porta i suoi oltre duecento scatti, che si aprono all’occhio dello spettatore come finestre sul mondo, al Macro di Roma. Non è certo la prima volta che il fotografo è in mostra in Italia ma l’esposizione capitolina ha con sé delle caratteristiche uniche: la nuova serie delle fotografie italiane, un omaggio al paese frutto dei ripetuti soggiorni effettuati quest’anno dal Veneto alla Sicilia, e soprattutto la particolarità dell’allestimento curato da Fabio Novembre. La mostra aperta al pubblico da domani fino al 29 aprile 2012, comprenderà oltre 200 fotografie: non mancheranno alcune delle icone di McCurry, come il celebre ritratto della ragazza afgana dagli occhi verdi, scattate nel corso degli oltre 30 anni della sua straordinaria carriera di fotografo e di reporter; ma insieme ad una selezione del suo vasto repertorio, saranno presentati per la prima volta i lavori più recenti, dal 2009 al 2011: il progetto the last roll con le 32 immagini scattate in giro per il mondo utilizzando l’ultimo rullino prodotto dalla Kodak, gli ultimi viaggi in Thailandia e in Birmania con una spettacolare serie di immagini dedicate al Buddismo, un lavoro inedito su Cuba. Ci sarà tutta la storia della ragazza afgana, con scatti mai visti e con il materiale raccolto in giro per il mondo dallo stesso McCurry, che ci fa ripercorrere la storia di quella che è diventata una vera e propria icona. Dopo averci fatto conoscere i volti e i colori dell’Afghanistan, del Tibet e di quell’immenso crocevia di popoli e culture che è l’Oriente, Steve McCurry ci proporrà un suo sguardo sull’Italia e sugli italiani. Soddisfatto dell’iniziativa l’assessore capitolino alla Cultura Dino Gasperini. Il servizio di Mariacristina Massaro

Articolo precedenteRoma, Napolitano presenta libro 150 anni Unità d’Italia. Gli italiani amano la patria
Articolo successivoRoma a Torretta di Ponte Milvio successo per Gabriela Corini interprete di Rilke