Bracciano, canile dell’orrore: cani tra fango e lamiere

694

A Bracciano è stato trovato un canile dalla Forestale in cui gli animali versavano in condizioni agghiaccianti, tra fango e malattie. L’area è stata sequestrata e vi sono tuttora indagini per individuare i colpevoli.

(MeridianaNotizie) Roma, 26 novembre 2013 – Gli agenti del Comando Stazione forestale di Manziana (RM) hanno rinvenuto a Bracciano (RM) 29 cani di diversa razza, all’interno di un’area sottoposta ad esecuzione immobiliare, in condizioni inadeguate e inquietanti.canilelager

Coadiuvati dal servizio veterinario della Asl Rm-F, gli agenti hanno rilevato che gli animali erano costretti a vivere in strutture non idonee e privati di tutto ciò che occorre per il loro fabbisogno. I cani erano stati collocati all’esterno, in box delimitati da una rete metallica. Il fondo era a terra vegetale e privo di qualsiasi sistema di drenaggio. Non vi era, inoltre, alcuna copertura per le intemperie.  Il terreno nei box era fangoso e in molti casi zuppo delle stesse feci degli sfortunati animali. La salute dei cani era, ed è, palesemente precaria. Le malattie riscontrate sono dermatiti, leishmaniosi e lesioni cutanee.

Così è scattato il sequestro dell’area e i cani sono stati affidati in custodia a due canili del Comune di Roma. Tuttora vi sono indagini per individuare i colpevoli ed eventuali proprietari dei cani. Alcuni di questi, infatti, erano provvisti di microchip. Si cerca pertanto di individuare i responsabili di questo canile lager, che dovranno rispondere di violazione di norme in materia di maltrattamento degli animali.

Aurelio Ponzo

Altre videonews in Cronaca:

VIDEO > Rilancio dell’Atac, il 6 dicembre i sindacati chiederanno a Marino una nuova strategia

Falso San Daniele venduto online in Inghilterra, De Girolamo: grande vittoria per il made in Italy

Babbo Natale maniaco in manette, aveva un’ossessione per la sua Elfa

Articolo precedenteE’ boom di furti di pinoli, pizzicati ladri con 600 kg di pigne a Castel Fusano
Articolo successivoVIDEO > Il 27% della forza lavoro medica cresce nel Lazio, dal Cnr investire su ricerca per uscire dalla crisi