Unioni civili, Circolo LGBT Mario Mieli: inaccettabili gli attacchi del Vicariato contro Marino

507

Il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli appoggia Ignazio Marino contro l’attacco di Angelo Zama dal portale di informazione del Vicariato di Roma

(MeridianaNotizie) Roma, 15 novembre – “Una finta priorità della politica cittadina”, ecco come definisce Angelo Zama la dichiarazione del sindaco di Roma Marino sull’iniziativa in cantiere al Campidoglio, su matrimoni e adozioni omosessuali. Nel durissimo editoriale, su RomaSette.it, Zama scrive: “L’iter della proposta per un registro delle unioni civili in Campidoglio è la cronaca di uno sbandamento annunciato. Un deragliamento dai principi costituzionali e dalle normative nazionali”. marino sindaco

Oggi la risposta di Andrea Maccarrone, presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli: “Quelle del Vicariato sono parole durissime e inaccettabili che mettono in discussione i principi di uguaglianza e rispetto di tutte le minoranze , elementi fondanti di qualsiasi democrazia. Come sempre il Vicariato si muove in nome di argomenti ideologici fuori dalla storia e dalla realtà che hanno il solo effetto di alimentare pregiudizi e odio e di creare inaccettabili graduatorie tra le famiglie, le persone, e, cosa ancor più grave, i figli delle coppie omosessuali”.

Il Vicariato ricordi che Roma è la Capitale di un Paese laico e democratico e non deve rispondere ai suoi diktat ma ai cittadini che si sono recentemente espressi nel voto per un Sindaco che aveva nel suo programma proprio il Registro delle Unioni Civili e la tutela dei diritti sociali e civili di tutte e tutti”.

Il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli esprime solidarietà al Sindaco Ignazio Marino per l’attacco ricevuto e offre pieno sostegno per l’iter di approvazione del Registro. Alla Chiesa di Roma ricordiamo che, invece di continuare a spargere odio e a sostenere le discriminazioni delle persone LGBT, farebbe bene a guardare al suo interno e a fare chiarezza sui tanti gravissimi scandali che la toccano e all’uso, decisamente poco cristiano, che fa dell’enorme patrimonio, anche immobiliare, che detiene in città. Questa Chiesa degli ori e degli scandali ha perso qualsiasi autorità morale e farebbe bene a smetterla di attaccare e puntare il dito contro una comunità che chiede solo il rispetto dei propri diritti, ricordando che sono i cittadini italiani a foraggiarla coi miliardi dell’Otto per Mille, delle loro tasse e delle enormi esenzioni e finanziamenti di cui gode”.

Serena Ingrati

Altre videonews su Roma Capitale:

VIDEO > Nel 2014 dal Campidoglio sportelli anti usura attivi nei Municipi

Roma amica dei gay, Marino apre a matrimoni e adozioni omosessuali

Controlli dei Cc alla Stazione Termini, 7 persone denunciate

Articolo precedentePoliziotto maratoneta, corre per 2 Km per acciuffare un pusher
Articolo successivoIn due si fingono armati e rapinano un giovane dell’Iphone. La Polizia arresta uno dei ladri