Ancora controlli al Pigneto, in manette tre pusher pizzicati all’opera

493

(MeridianaNotizie) Roma, 23 giugno 2014- Continuano i controlli dei Carabinieri del Gruppo di Roma nei quartieri “caldi” della movida della Capitale. I militari della Compagnia Roma piazza Dante sono stati impiegati nel quartiere del Pigneto, dove, in breve tempo, tre pusher sono stati arrestati. I primi due a finire in manette sono stati un cittadino della Liberia di 24 anni e un cittadino del Gambia di 26 anni, entrambi nella Capitale senza fissa dimora, sorpresi mentre stavano tentando di piazzare alcune dosi di marijuana ad un “cliente” che è stato, a sua volta, segnalato all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di droghe. Poco dopo, i Carabinieri hanno bloccato anche un cittadino tunisino di 25 anni, con precedenti, poiché ritenuto responsabile dell’approvvigionamento degli stupefacenti agli spacciatori “di quartiere”. carabinieri

Il ragazzo, infatti, è stato trovato in possesso di 1,2 Kg di marijuana pronti per essere suddivisi tra i pusher per la successiva distribuzione lungo le strade del Pigneto. A Monti, invece, i Carabinieri della Stazione Roma Quirinale hanno sanzionato il gestore di un bar di piazza Madonna dei Monti sorpreso a somministrare bevande alcoliche oltre l’orario consentito dall’Ordinanza del Sindaco di Roma. Nel corso dell’operazione, i Carabinieri hanno identificato complessivamente 50 persone, tra cui 6 con precedenti, e controllato 20 veicoli. Gli arrestati sono stati trattenuti in caserma in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

VIDEO > Il Papa arriva in Calabria e si ferma a salutare una famiglia

A Roma dramma di sfratti, 8mila solo nel 2013

Rapinano un supermercato sulla Tiburtina alla “vecchia maniera”, in manette in tre

Articolo precedenteI piccoli del Bambino Gesù salpano in mare aperto, tre spedizioni contro cancro autismo ed epilessia
Articolo successivoLa moglie lo lascia e per convincerla a tornare rapisce la figlia: in due arrestati dalla polizia