Operazione Columbus, duro colpo alla ‘ndragheta Italo-americana

471

Palermo: la polizia di stato arresta due violenti rapinatori. I malviventi incastrati da una telecamera domestica fatta installare dai proprietari dell’appartamento preso di mira: filmata, in diretta, ogni fase della brutale aggressione subita dalla vittima.

(MeridianaNotizie) Roma,8 maggio 2015 – E’ scattata all’alba di oggi l’operazione Columbus della Polizia di Stato, che sta eseguendo una serie di fermi, emessi dalla Direzione Distrettuale Antimafia presso la Procura della Repubblica di Reggio Calabria, a carico dei componenti di un sodalizio criminoso con proiezioni transnazionali, dedito ai traffici internazionali di sostanze stupefacenti tra gli Stati Uniti d’America e la Calabria. L’operazione in corso vede impegnate squadre miste di investigatori della Polizia di Stato e agenti delle agenzie federali americane del Federal Bureau of Investigation (FBI) e dell’Homeland Security in Calabria e a New York. Sarebbero oltre 30 gli indagati e una quindicina gli arresti ed i fermi fra l’Italia e gli Stati Uniti.operazione-columbus00000001

L’indagine – coordinata dalla Procura Antimafia di Reggio Calabria insieme a quella di New York – avrebbe ricostruito vecchie e nuove alleanze criminali – mafiose, confermando il ruolo autoritario e di leadership di famiglie della ‘ndrangheta nella gestione del traffico internazionale di stupefacente. Nelle oltre 300 pagine del fermo, i magistrati di Reggio Calabria, il Procuratore Capo Federico Cafiero de Raho e il Procuratore Aggiunto Nicola Gratteri, hanno ricostruito, grazie alle indagini della Polizia di Stato, le proiezioni internazionali della ‘ndrangheta. Il nome in codice dell’operazione è Columbus. Il 12 ottobre scorso, infatti, giorno del Columbus Day, investigatori della Polizia di Stato e dell’F.B.I. hanno atteso in un porto degli Stati Uniti il primo carico di cocaina. Proveniente da un porto del Centro-America, la droga era destinata alla “piazza” di New York e a quelle europee. Broker del traffico un incensurato calabrese, titolare di una pizzeria nel quartiere del Queens. L’uomo, già arrestato nei giorni scorsi, è accusato di traffico internazionale di droga.

Altri 2 arresti sono stati eseguiti a New York. Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati quantitativi di cocaina e marijuana, oltre 100.000 dollari, 6 pistole, un fucile. Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati quantitativi di cocaina e marijuana, oltre 100.000 dollari, 6 pistole, un fucile. Le persone arrestate sono una coppia di calabresi, marito e moglie e il figlio, proprietari del ristorante “Cucino a modo mio”, sito in 108th Street, nel quartiere del Queens a New York. Nel corso delle indagini, grazie a intercettazioni audio e video, la Polizia ha scoperto che il ristorante della famiglia era la base di copertura per il traffico di coca diretta a New York e in Calabria. In contatto con narcos sudamericani, la loro sponda calabrese sarebbe un cartello della famiglia degli Alvaro.

Articolo precedenteSicurezza Home Made, ladri violenti beccati dalle telecamera domestiche
Articolo successivoTumori femminili, al Gemelli inaugurato il nuovo centro dedicato alla donna