“Torno subito”, nuove 1000 borse di studio dalla Regione Lazio

661

(Meridiana Notizie) Roma, 21 maggio 2015 – Si sono dati appuntamento al Macro di via Nizza: aziende e ragazzi, insieme alla Regione Lazio per inaugurare il secondo bando “Torno subito”. Il progetto, della Regione e finanziato con fondi europei, permetterà ai giovani selezionati del Lazio di fare un’esperienza di studio e/o lavoro in Italia o all’estero per poi tornare e portare qui il loro know how.

‘Torno Subito 2015-2016’ è il primo grande progetto italiano finanziato con le risorse della nuova programmazione del Fondo Sociale Europeo 2014/2020, per un importo complessivo di 12 milioni di euro e che permetterà a circa 1000regione_lazio ragazzi tra i 18 e i 35 anni, domiciliati o residenti nel Lazio, di effettuare master o work experience in Italia e all’estero, con costi totalmente a carico della Regione. All’iniziativa sono intervenuti il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti e il vicepresidente, Massimiliano Smeriglio.

L’evento nasce come ‘melting pot’ tra gli oltre 450 ragazzi che hanno partecipato al bando 2014-2015 – a cui verrà consegnato un attestato di partecipazione – e quelli che intendono candidarsi alla seconda edizione. Sono presenti anche i partners del progetto, 500 tra aziende, università, enti di ricerca e realtà del terzo settore, che hanno aderito al programma. Nella prima edizione del bando Torno subito sono stati avviati e gestiti, a regime, 447 progetti; quelli finanziati con il nuovo bando saranno circa 1.000. Pubblicato sul sito della Regione Lazio(www.regione.lazio.it/tornosubito) il 7 maggio 2015, il bando resterà aperto 60 giorni.

“Immaginavamo un’adesione importante, ma non così grande, sono già 1300 le persone accreditate – ha commentato Smeriglio dal palco – Questo perché oggi presentiamo un’occasione, un’opportunità. Ci sono qui, stasera, i 447 ragazzi che hanno finito la prima edizione di Torno Subito. Sono a vostra disposizione per dirvi come hanno vissuto questa esperienza. Ora siamo alla vigilia di una nuova ‘spedizione dei Mille’, – ha proseguito – entro il 6 luglio si può presentare la la domanda. Al 2020 saremo tra le 8 e le 10 mila persone: ci stiamo investendo molti soldi, soldi pubblici dall’Europa che, spesso, non sono stati usati bene e tutti. Fuori esiste il mondo, che non va vissuto come una minaccia o con spirito provinciale, ma come occasione di conoscenza. Però esiste anche il territorio. Torno subito é, dunque, una goccia nel mare contro la fuga dei cervelli. Ognuno è libero di partire, se lo vuole, ma se vi è costretto, allora, e’ il segno che c’é un problema”. Smeriglio ha chiesto però ai ragazzi di firmare “un patto etico, fate esperienza dove volete, – ha concluso – in America, in India, dove meglio credete. Ma dovete tornare, perché la comunità ha bisogno di voi, dei vostri talenti, dei vostri sogni”.

Il servizio di Diana Romersi

 

Articolo precedente“Celebration day”, Roma apre ufficialmente il registro delle unioni civili
Articolo successivoWIRE15, a Frascati idee innovative in 5 minuti per Frascati Scienza