Altaroma, Calenda: “pezzo fontamentale per una strategia nazionale”

308

foto1(MeridianaNotizie) Roma, 14 luglio 2015 – Roma ha vissuto quattro giorni da protagonista grazie alla moda, restituendo al mondo un’immagine sana, propositiva e innovativa. La città come palcoscenico ideale per presentare e sostenere la moda italiana. Queste le parole del presidente di Altaroma, Silvia Venturini Fendi, durante la conferenza conclusiva di questa edizione tenutasi al Palazzo delle Esposizioni.

Diversi i progetti che hanno accompagnato questo evento come ‘Who si on next’ e ‘5+5’, progetto di mentoring nel quale 5 designer affermati sostengono 5 talenti emergenti. Secondo Silvia Venturini Fendi, quest’ultimo è un “progetto simbolico molto forte, che dimostra l’unione della fashion community, non solo a parole, ma anche nei fatti”. Unione che viene suggellata anche dalla sinergia “tra Milano, Firenze e Roma, che si muoveranno insieme per studiare dei progetti assolutamente non sovrapponibili l’uno all’altro”. La collaborazione tra queste tre grandi città della moda, “d’ora in poi non dovrà essere occasionale – ha sottolineato – ma dovrà realizzarsi anche grazie anche all’iniziativa del Governo, in una cornice di indirizzi condivisi e azioni coordinate”.

“Roma ha spalle sufficientemente larghe per essere una grande città della moda, ma in connessione con Firenze e Milano” – ha sottolineato il viceministro allo Sviluppo Economico Carlo Calenda – “È la prima volta che le decisioni vengono prese con le associazioni industriali, le città della moda, i distretti industriali. Il sistema imprenditoriale italiano della moda è molto più complesso di quello francese – ha spiegato – perché ci sono componenti produttive importanti, come quello dei tessuti e degli accessori, dove noi siamo assolutamente leader, ma c’è poi la componente creativa che è molto più sparpagliata. Bisogna assolutamente tenere insieme tutte queste anime, affinché anche le città della moda diventino una ricchezza per il paese. In Francia, tutto ruota intorno a Parigi, noi abbiamo Firenze, Roma, Milano: dobbiamo giocare insieme, come una squadra, per vincere”. Calenda ha definito quello diAltaroma “un ottimo cda, fatto da professionisti, da persone che conoscono la moda. Ed è una garanzia – ha sottolineato – perché non si lavora solo in un’ottica romana, ma in connessione con quello che succede nel resto del Paese”. 

Servizio di Teresa Ciliberto

Articolo precedenteOperazione Black Fashion, maxi evasione nel mondo della moda
Articolo successivoMiss Italia, l’edizione Miss Roma 2015 omaggia Silvana Mangano