Prevenzione, un cartone animato spiegherà ai bambini come non scottarsi al sole

317

(Meridiana Notizie) Roma, 17 settembre 2015 – Continua la campagna “Il Sole per amico”, che con l’inizio dell’anno scolastico entra nelle scuole per sensibilizzare i più piccoli a proteggersi dai raggi solari. Con un cartone animato si spiegherà ai bambini delle scuole elementari i segreti per salvaguardare la propria pelle.

Se apprese da piccoli le regole che servono ad esporsi con giudizio al sole e a difendere la pelle, riducono il rischio di tumori cutanei per tutta la vita, quindi sensibilizzare e proteggere la fascia pediatrica della popolazione è fondamentale e per diverse ragioni. «La prima è di ordine fisiologico, infatti la pelle di un bambino è meno protetta di quella di un adulto e si ustiona al sole più facilmente – commenta Ignazio Stanganelli, Referente per la Dermatologia di IMI – Intergruppo Melanoma Italia e Responsabile Centro Dermatologia Oncologica IRST Romagna e Università di Parma – la seconda è di carattere epidemiologico, è noto infatti dai dati della letteratura che le ustioni solari, in particolare in età pediatrica e giovanile, rappresentano un fattore di rischio per il melanoma e determinano l’insorgenza di lentiggini e di nuovi nevi melanotici».

Il progetto vuole porre l’accento sulla prevenzione. I bambini sono infatti la fascia di popolazione più a rischio per il melanoma: le scottature prese nell’infanzia sono un importante fattore di rischio perché la pelle “memorizza” il danno ricevuto e può innescare il processo patologico anche a diversi anni di distanza.

«La campagna “Il Sole per amico” nasce per risvegliare e far crescere l’attenzione dell’opinione pubblica sul rischio melanoma attraverso la diffusione di una cultura della prevenzione tra la popolazione, in particolare tra i bambini in età scolare e le loro famiglie – afferma Paola Queirolo, Responsabile Oncologia Medica dell’IRCCS-AOU San Martino-IST di Genova e Presidente di IMI – Intergruppo Melanoma Italiano – la campagna nazionale, promossa da IMI, su temi di tale rilevanza ha come protagonisti i bambini delle scuole elementari e i loro genitori, tappa per noi cruciale considerato l’aumento dell’incidenza dei tumori della pelle proprio tra i più giovani e visto che le scottature da esposizione solare in età pediatrica rappresentano uno dei principali fattori di rischio».

Il servizio di Diana Romersi

Articolo precedenteStreet art, il Festival Outdoor 2015 riqualifica l’ex caserma Guido Reni
Articolo successivoMaxi operazione anti-camorra nel centro storico di Napoli: arrestate oltre 40 persone