Roma, confiscati beni per un valore di 5mln al “falso povero” Claudio Cannavò

454

(MeridianaNotizie) Roma, 20 aprile 2016 – Gli agenti della Guardia di Finanza di Roma e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata hanno dato esecuzione ad un decreto di Confisca nei confronti di Claudio Cannavò, arrestato il 14 febbraio 2015, e di alcuni suoi prestanome. Nel corso del procedimento è emerso come Cannavò avesse tentato di “occultare la reale titolarità delle proprie possidenze” intestandole ad un ampio entourage familiare.

Durante l’operazione confiscati 17 beni immobili a Roma e Rieti, 6 autovetture, del patrimonio aziendale e relativi beni di 2 attività commerciali, rapporti bancari/postali/assicurativi, per un valore complessivo di oltre 5 milioni di euro. Cannavò era già noto alle forze di polizia per avere iniziato a delinquere sin dall’età di 18 anni e per altri reati che vanno dalla ricettazione al riciclaggio, dal porto abusivo e detenzione di armi alla rapina, dalle lesioni personali alla tentata violenza sessuale a scopo di rapina, dall’usura aggravata all’associazione per delinquere.

Servizio di Teresa Ciliberto

 

Articolo precedenteTorino, Al Palazzo Barolo l’arte contemporanea dà voce alle migrazioni con “Binario 18”
Articolo successivoAl Maxxi in mostra Superstudio 50 dal 21 aprile al 4 settembre