Treviso, dichiaravano falsi 730: una truffa da 3mln di euro

476

(MeridianaNotizie) Roma, 20 settembre 2016 – Sessantasei persone segnalate all’Autorità Giudiziaria per “indebite percezioni di erogazioni a danno dello Stato”. Si tratta dell’operazione denominata “Easy Credit”, condotta dalla Guardia di Finanza di Treviso. Mille dichiarazioni dei redditi falsi, presentati o già compilati e in attesa di essere trasmesse all’Agenzia delle Entrate, e finalizzate a beneficiare di crediti d’imposta non spettanti.

Responsabile della truffa è un Centro di Assistenza Fiscale nel bolognese che, in cambio di compensi, agevolava le pratiche di molti clienti. Questo consentiva loro di percepire indebiti crediti IRPEF, liquidati in oltre 2 milioni di euro.

L’indagine ha permesso non solo di svelare l’intero meccanismo di frode, ma anche di ottenere l’annullamento di oltre 300 modelli 730/2016, da poco presentati con l’indicazione di quasi un milione di euro di crediti IRPEF non spettanti. Dichiarazione di crediti di imposta inesistenti, familiari a carico residenti all’estero e privi di codice fiscale o detrazioni per figli non esistenti, anche disabili: gli indagati, tutti cittadini stranieri residenti in Italia, con l’aiuto del responsabile C.A.F. potevano così ottenere rimborsi IRPEF non dovuti.

Servizio di Teresa Ciliberto

Articolo precedenteLa ricerca clinica passa per l’Italia, presentato a Roma un Position Paper
Articolo successivoDal 29 settembre al 2 ottobre al via XX edizione del Romics