Corruzione alla Fondazione Pascale di Napoli, in manette primario e direttore Asl

510

Sono sei le persone finite ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta della Guardia di Finanza sulle forniture all’istituto per la cura dei tumori Pascale di Napoli. Ci sono anche il primario della Fondazione Pascale di Napoli, Francesco Izzo e l’attuale direttore generale dell’Asl Napoli Centro 1, Elia Abbondante, tra i destinatari delle misure cautelari agli arresti domiciliari emesse dalla procura partenopea nell’ambito di un’indagine sull’istituto di cura dei tumori cittadino. I reati contestati sono corruzione e turbata libertà degli incanti commessi, secondo l’ipotesi accusatoria, dal 2012 al 2015.

Articolo precedenteVita Semeraro, la Sciamana parla di Medianità
Articolo successivoSorpresi a rubare in scavi archeologici, arrestati due romani