Centocelle, torna a casa ubriaco e aggredisce la compagna incinta

322

(MeridianaNotizie) Roma, 29 agosto 2017 – A seguito di una segnalazione giunta al 112, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un cittadino tunisino, di 27 anni, nullafacente e già noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di minacce, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. La scorsa notte l’uomo è rientrato a casa, in preda ai fumi dell’alcol, e senza nessun apparente motivo, ha aggredito la compagna, una cittadina romena di 26 anni, al sesto mese di gravidanza, e successivamente anche un connazionale di 29 anni, intervenuto per cercare di farlo calmare e desistere dall’aggredire la compagna, il tutto davanti anche ad un’altra figlia di soli 10 mesi. Anche i militari, giunti sul posto in pochi minuti dalla segnalazione, hanno dovuto faticare non poco per cercare di calmarlo fino a quando, dopo una colluttazione, sono riusciti ad immobilizzarlo. L’uomo he ha cercato di fare da paciere e due dei militari intervenuti, sono stati medicati presso il pronto soccorso dell’Ospedale Sant’Eugenio. Nonostante la moglie non abbia voluto presentare una formale denuncia contro il compagno, i Carabinieri hanno proceduto comunque al suo arresto. E’ stato quindi trattenuto in caserma a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)

 

Articolo precedenteRoma, risolto il giallo del cadavere sotterrato
Articolo successivoRoma, con la promessa di un lavoro onesto, convince una connazionale a venire in Italia per poi farla prostituire