Roma, rubavano auto di lusso e le portavano ai Catelli Romani dove venivano “cannibalizzate”

417

(MeridianaNotizie) Roma, 4 agosto 2017 – I Carabinieri della Stazione di Rocca Priora e quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Frascati hanno scoperto una vasta attività di riciclaggio di veicoli alle porte della Capitale. Nel corso dell’operazione i militari hanno arrestato 3 persone, tutti cittadini polacchi di età compresa tra i 45 e i 59 anni, due dei quali già arrestato dai Carabinieri della Stazione di Montecompatri qualche mese fa per gli stessi reati, con l’accusa di riciclaggio in concorso e sequestrato un’area verde ed un capannone che venivano utilizzati dagli arrestati come base operativa per tagliare le auto rubate e come deposito delle parti dei veicoli da rivendere illegalmente. Alla scoperta, i Carabinieri della Stazione di Rocca Priora sono arrivati seguendo gli spostamenti di alcuni furgoni con targa straniera, un via vai registrato proprio in prossimità dell’area all’interno della quale è stato poi effettuato l’intervento. I militari hanno eseguito una serie di servizi di osservazione a ridosso dell’”officina a cielo aperto” dove, poco dopo, hanno visto arrivare i 3 cittadini polacchi a bordo di un furgone. A quel punto hanno fatto scattare il blitz: sparpagliati qua e la, i militari hanno trovato centinaia di pezzi di ricambi, pneumatici, scocche di diverse auto anche di grossa cilindrata completamente smontate. I primi accertamenti effettuati sulle parti rimaste integre dei veicoli e sui numeri di telaio hanno consentito di accertarne la dubbia provenienza, e messi facilmente in relazione ad alcuni furti avvenuti nella Capitale e in provincia. L’area, il capannone e tutto il materiale sono stati sequestrati mentre i 3 arrestati sono stati portati nel carcere di Velletri, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

(a cura di Cecilia Guglielmetti)

 

Articolo precedenteEur, carabinieri sventano ennesima “truffa dello specchietto”, arrestate due truffatrici
Articolo successivoRoma, egiziano di 30 anni segrega in casa la moglie incinta e il figlio di appena un anno